Fedeli: “Abbiamo vinto e convinto”. Palladini: “La Samb ha fatto la gara che volevo”

La Samb batte la Folgore Veregra in casa grazie alle reti di Sorrentino e Titone. Riportiamo di seguito le dichiarazioni del Presidente rossoblu Franco Fedeli, mister Palladini, l’allenatore della Folgore Veregra Zaini, il numero 8 Raparo, Sabatino e Sorrentino.

FEDELI: “Oggi non abbiamo solo vinto ma abbiamo anche convinto. Sabatino ha dato l’anima, Sorrentino non lo scopriamo sicuramente in questa occasione. Per quanto riguarda il calcio mercato abbiamo pensato ad innesti nuovi. Anche se siamo primi in classifica ritengo che la squadra possa e debba essere migliorata. Premio per i ragazzi? Nessuno, lo hanno già. Giocano a San Benedetto. Cosa dire della tifoseria? E’ grande. Se sono venuto in questa città è anche perché sapevo di questa curva”

PALLADINI: “Sapevamo che era una partita difficile contro una squadra in salute. Complimenti ai miei ragazzi che hanno fatto la gara che avevo chiesto sotto il profilo della compattezza e della determinazione. Siamo stati bravi non solo in fase di possesso ma anche di non possesso. Tutti hanno dato una grossa mano. Questo è lo spirito giusto. Questo è un campionato difficile. L’ansia può togliere energia e porta a fare errori che poi si pagano. Stiamo cercando di migliorare. La squadra sta rispondendo veramente bene. Oggi abbiamo un po’ rischiato ma ritengo che di tanto in tanto lo si debba fare. E’ importante capire come gioca l’avversario. Ho messo le due punte davanti per dare fastidio e togliere respiro. Se dai spazio alla Samb può fare male. Il modulo conta poco. Ciò che è fondamentale è lo spirito di squadra. Anche chi è entrato dopo come Gori e Casavecchia hanno fatto il loro. Non dobbiamo temere nessuno ma avere rispetto di tutti. Questa vittoria deve darci consapevolezza. Abbiamo guadagnato i 3 punti, godiamoceli ma pensiamo subito a domenica prossima”

ZAINI: “Sapevo che avremmo sofferto. Siamo venuti a giocare contro una squadra superiore. Noi abbiamo cercato di tenere botta i primi 20 minuti però pian piano siamo venuti fuori. Credo che l’infortunio di Padovani abbia condizionato un po’ il nostro gioco. Era molto motivato, ci teneva, stava facendo bene. Ci siamo distratti un attimo e abbiamo preso gol. A quel punto ci siamo disuniti. Abbiamo preso il secondo e poi non c’è più stata storia. Non è una giustificazione ma avevo 6 under in campo. Tutto sommato sono felice del mio gruppo perché ho visto una grande prestazione contro un avversario veramente valido con elementi di grande qualità. La Jesina? E’ una buona squadra. Credo che questo sia uno dei gironi più difficili attualmente in Italia. Me lo hanno detto anche a Coverciano”

RAPARO: “La squadra è quella che è e noi siamo neo promossi. Per fare il risultato serve anche un colpo di fortuna. La vittoria della Samb è sicuramente meritata. Hanno giocatori di livello nettamente superiore. Noi come gruppo siamo comunque soddisfatti. Siamo un mix di giovani e vecchi e scendiamo sempre in campo con determinazione. Siamo una piccola realtà e dobbiamo giocare caricandoci già a partire dal venerdì altrimenti è dura”

SORRENTINO: “Non mi piace stare fermo per cui cerco sempre di dare una mano. Durante gli allenamenti tento di rubare qualcosa a chi è più grande di me. Se il Presidente mi stima mi fa piacere. Nel primo tempo avrei sicuramente potuto fare meglio. Oggi era una partita importante. Prima di entrare ci siamo detti di restare sempre compatti. Ci siamo riusciti, abbiamo sofferto una volta sul palo del numero 10. Il campionato è lungo. Siamo solo alla dodicesima giornata”

SABATINO: “Abbiamo allungato sulla seconda quindi bene. La strada è lunga ma questo è sicuramente un passo avanti. Ci stiamo comportando bene. La difesa sta facendo meglio, ma quando si prende gol è colpa di tutti”