Cena di Natale Samb, tanti ringraziamenti e un solo proposito

Browse By

Grande festa per la cena natalizia della Sambenedettese Calcio, tra cori, ringraziamenti e buoni propositi
GROTTAMMARE – Quella dei rossoblu al Parco dei Principi è stata una cena formale venata di goliardia e cori da stadio, impreziosita come un vaso rimesso a posto dalla tecnica del Kintsugi. La serata, presentata dal team manager Daniele Diomede, si è aperta con i ringraziamenti verso Filippo Olivieri, tifosissimo che ha ospitato a sue spese l’evento.

L’assenza del presidentissimo Franco Fedeli (febbricitante) è stata “coperta” dal figlio Andrea, che – di concerto col resto della società – ha ringraziato sponsor, imprenditori e tifosi per il supporto, staff, allenatore e giocatori per l’ottimo parziale di stagione.

Presente anche il sindaco Giovanni Gaspari, che si è intrattenuto in un breve discorso: “Ringrazio la famiglia Fedeli per l’invito e per quello che sta facendo con la squadra della nostra città. Sono sindaco da dieci anni, ormai, e quest’anno è la prima volta che la società non è venuta a batter cassa per andare avanti. Tutto ciò vi fa onore. Riguardo alla questione stadio, sono felice di informare tutti i presenti che proprio stamattina sono stati ordinati ultimi pezzi per la messa a norma dello stadio, per una spesa di 40 mila euro: avevamo promesso di concludere entro la fine dell’anno e ci siamo. La società, saputo della risoluzione, mi ha anche chiesto di risolvere il problema dell’illuminazione. Beh, non voglio fare ricatti, ma – facendo gli scongiuri – prometto che sarà pronta non appena arriverà la promozione in Lega Pro. Oggi è uscita una notizia riguardo la mancanza della Coppa Italia del 91-92; rassicuriamo tutti: la coppa è al sicuro dentro agli uffici del comune, il presidente può passarla a prendere anche domani. Un ultimo appello – conclude il sindaco, scherzosamente – credo di essere l’unica persona che subisce il daspo al contrario: non mi fanno entrare allo stadio. Magari se mettete una buona parola voi…”

Poi è il turno di mister Palladini, osannato dai presenti: “Complimenti vanno fatti ai ragazzi e alla famiglia Fedeli. In questa squadra c’è un clima meraviglioso, e finalmente abbiamo speranza di credere in un bel futuro per questa piazza meravigliosa. Se siamo arrivati a dicembre in questa posizione di classifica bisogna ringraziare soprattutto i ragazzi e lo staff: sono arrivato in una squadra già prima in classifica, e loro mi hanno dato modo di mantenerla in questa posizione con la massima disponibilità possibile. Quest’anno c’è la possibilità di vincere, ma – soprattutto – abbiamo una società solida alle nostre spalle, ed è questa la cosa più importante”

Successivamente, il presentatore della serata – il team manager Diomede – ha portato al microfono il capitano Pezzotti, Titone, Sabatino, Barone e Casavecchia, che nei loro interventi – sabotati dagli applausi del resto della squadra – hanno ringraziato tifosi e staff, con menzioni particolari per Giancarlo Palma e Nazzareno Marchionni, segretario storico dei rossoblu.

Nel finale, dopo l’intervento del consulente di mercato Simone Perotti (che ha ringraziato tutti, augurandosi un finale di festeggiamenti), c’è stato un resoconto anche riguardo il settore giovanile: “Quest’anno – ricorda Diomede – abbiamo organizzato la scuola di primi calci, una base importantissima per noi. Insieme al settore giovanile, gestito benissimo da Noi Samb – che ringraziamo per il lavoro svolto, e con la quale ci troviamo d’accordissimo su tutti i punti – stiamo formando una base solida per la prima squadra”.

Ringraziamenti raccolti dal presidente dell’Associazione Noi Samb, Guido Barra: “Come associazione stiamo gestendo il settore giovanile da due anni, ma in questa stagione – con questa società – abbiamo trovato per la prima volta un appoggio importante, e la volontà di credere nelle idee e negli obiettivi che portiamo avanti sin dal primo giorno. Siamo felici anche per la scelta di Ottavio, una persona – oltre che un tecnico – dallo spessore enorme. Abbiamo sempre creduto che lui fosse la migliore risorsa per la città e per la Samb, e il mister – grazie alla fiducia della famiglia Fedeli – sta confermando questa nostra impressione”

Nel corso della serata sono intervenuti anche Maurizio Compagnoni (“Ringrazio Ottavio e i ragazzi, perché alle 15 di domenica non ho più l’ansia degli scorsi anni”) e il consigliere della regione Lazio Fabio di Lillo, che ha chiesto alla squadra di riportare la Samb al Del Duca.

La società  ha anche consegnato vari riconoscimenti alle personalità presenti all’evento, ringraziando – con una targa – tutti gli sponsor e i sostenitori.

La lotteria, cosparsa di premi della catena Elite e del Samb Store, ha visto trionfare Benedetto Marinangeli, che si è portato il primo premio a casa tra lo scherzoso biasimo dei presenti. In coda spazio anche ai cori tipici del Riviera, lanciati dai giocatori stessi – che hanno dimostrato una conoscenza quasi enciclopedica dell’epos della Curva Nord.