Samb, i tuoi numeri parlano chiaro. Andrea Fedeli: “Per noi motivo di orgoglio”

Browse By

Il direttore generale rossoblù Andrea Fedeli, dopo la vittoria conseguita contro l’Amiternina, commenta il positivo percorso del club rivierasco

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb è ad un passo dal traguardo finale. La vittoria casalinga di domenica contro l’Amiternina ha (quasi) consegnato ai rossoblu lo scettro di regina del Girone F della Serie D.

Dall’arrivo di mister Ottavio Palladini sono venti i risultati utili conseguiti. La squadra rivierasca, a braccetto con il Parma, è l’unica imbattuta in trasferta di tutti e 9 i gironi. Il Piacenza pur essendo l’unica ad aver già in mano la Lega Pro, ha riportato una sola sconfitta, per di più in trasferta, contro la Varesina, compagine di Venegono Superiore.

Dando uno sguardo più approfondito al ruolino di marcia dei rossoblù, è il quarto miglior attacco di tutta la D con ben 60 reti realizzate, terzi nel rapporto tra reti messe a segno e partite giocate. Guida la classifica il Piacenza (girone B a 20 squadre) a quota 2,59; secondo è il Parma (girone D a 20 squadre) a 2,43; terza la Samb (girone F a 18 squadre) a 2,42. Primato dei rossoblù a pari merito con Sporting Bellinzago (gir. A), Piacenza (gir. B) e Gubbio (gir. E) per quanto concerne i pareggi: solamente 5, a dispetto della favoritissima Parma che ne ha collezionati ben 9 come il Nardò (gir. H). Soffermandosi sui tornei a 18 squadre, è la Samb a comandare con ben 21 vittorie, quarta nella graduatoria dei 9 gironi complessivi.

I rossoblù si aggiudicano, infine, la medaglia d’argento (dietro solamente all’iridato Piacenza) per la forbice di distacco tra la prima e la seconda classificata: 14 il vantaggio sulla concorrente Matelica, ormai lontana dai giochi; bronzo invece Parma che dista di 9 lunghezze dalla rivale Altovicentino.

Numeri da record quelli ottenuti dall’armata sambenedettese, ampiamente elogiata anche dal Direttore Generale Andrea Fedeli: “E’ un risultato incredibilmente prestigioso. E’ un motivo di orgoglio considerando che abbiamo in un certo senso ammazzato il campionato di un girone noto per il suo alto livello. Il mister ed i ragazzi hanno fatto una res gestae incredibile. E’ ora di godere appièno dei frutti raccolti durante questa cavalcata trionfale”.