Federico: “Domani Alhassan fa le visite. Valutiamo altri due innesti”

Browse By

Il punto sul mercato col direttore sportivo rossoblu, che anticipa i prossimi movimenti

SA BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo mesi di “clandestinità”, Sandro Federico può finalmente parlare in qualità di direttore sportivo della Sambenedettese Calcio. L’ex Carrarese domani firmerà ufficialmente coi rossoblu, e – se le cose andranno come previsto – chiuderà per l’arrivo di due giocatori.

“A breve parleremo con Mancuso, sperando di trovare l’intesa economica. Alhassan arriverà domani a San Benedetto, e nel pomeriggio farà le visite mediche. Vedrà l’amichevole dei suoi compagni con la Salernitana, poi si aggregherà al ritiro”

A proposito dell’amichevole: nella Salernitana giocherà Caccavallo, di cui si è parlato molto in ottica Samb. C’è qualcosa di vero?

“Il nome è stato fatto ma non c’è mai stata una trattativa. Di lui si parla bene da alcuni anni, ma fino allo scorso anno non aveva mai espresso al massimo le proprie qualità. Viene da una stagione esaltante, sicuramente sarebbe un buon arrivo. Ma, ripeto, non c’è mai stata una trattativa”

Dopo l’amichevole col Venezia ti abbiamo visto parlare molto fitto con Palladini, che poco prima – durante l’intervista – aveva detto che mancavano alcuni tasselli. Sapete già che profili cercare?

“Al momento stiamo lavorando per due moduli, il 4-3-3 e il 3-5-2. Stiamo cercando un difensore centrale di struttura, esperto e di categoria, e un attaccante. Quest’ultimo deve essere duttile, in modo da poter essere impiegato sia come esterno offensivo che come seconda punta”

Nomi?

“Ne abbiamo in ballo tanti, l’importante è che siano giocatori validi. Per ora circolano diversi nomi, ma da qui alla fine del mercato arriveranno altre opportunità; vogliamo scegliere per bene. In difesa stiamo valutando Ferrario (difensore classe ’86, lo scorso anno a Catania ndr), se non arriverà lui arriverà un altro difensore con caratteristiche simili. Stiamo cercando giocatori abituati alla Lega Pro, se non di categoria superiore”

Poi la squadra è completa

“In linea di massima, sì. Servono due, massimo tre tasselli, poi saremo a posto. Il mercato può anche offrire opportunità inaspettate, quindi non è detto che ci si fermi qui. L’biettivo principale resta l’inserimento di questi tasselli”

C’è anche da sfoltire, però; avete già fatto delle valutazioni?

“Da qui al 13 di agosto prenderemo le nostre decisioni. Alcuni ragazzi (specie i più giovani) andranno a giocare, e li seguiremo per vedere la loro maturazione; quelli che si sono già confermati a buoni – come Candellori e Di Pasquale – resteranno con noi, e lotteranno per un posto in squadra”