Il Parma si aggiudica la finale playoff

Browse By

Il Parma batte l’Alessandria e guadagna l’accesso alla Serie B


Dopo aver portato tre squadre alle semifinali, il girone B si regala anche la vincitrice dei playoff. Lo scontro tra parmigiani e piemontesi ha offerto una cornice di pubblico finalmente all’altezza e due squadre di nobile blasone, nonostante una gara quasi a senso unico.

La partita tra Alessandria e Parma è durata 95 minuti, ma – psicologicamente – si è decisa nel giro di 80 secondi. Al 10′ González, liberato in area su una palla rubata a Lucarelli, sbaglia l’appoggio per il tap-in di Fischnaller; all’11esimo dalla parte opposta Calaiò si libera di Gozzi in un fazzoletto, danza sul fondo e serve l’assist vincente a Scavone.

Questo doppio colpo ha caratterizzato tutta la gara, passata subito sotto il controllo dei gialloblu. Passata in vantaggio, la squadra di D’Aversa mantiene il possesso e crea le maggiori occasioni, andando al tiro con Calaiò, Nocciolini e Munari. La reattività di Vannucchi tiene in piedi la partita, ma la squadra di Pillon non riesce a cambiarne l’inerzia. Nel primo tempo, complice la buona fase difensiva parmigiana, i grigi riescono ad arrivare al tiro in una sola occasione, col tiro altissimo di Nicco.

Nella ripresa i piemontesi aumentano la pressione, accampandosi nella metà campo dei parmigiani; dopo venti minuti di assedio gli unici squilli arrivano su alcuni cross, ben controllati, e il tiro largo di Fischnaller. Il Parma si difende con ordine, e al primo affondo arriva il raddoppio: al 66′ Giorgino riceve sulla sinistra e mette dentro per Nocciolini, che fa da sponda per Scavone; il centrocampista viene fermato, ma un doppio rimpallo finisce per favorire ancora i parmigiani, con Nocciolini che riesce a mettere dentro dopo una carambola col portiere.

Sotto di due gol, i grigi provano il tutto per tutto. Dopo l’occasione al 66esimo di Sosa (colpo di testa alto, a un metro) Pillon inserisce anche l’ex Evacuo, che si schiera al fianco di Gonzalez con Fischnaller e Iocolano. Il 4-2-4 aiuta i piemontesi ad alzare il baricentro, sfruttando la densità in area. Arrivano le opportunità per Fischnaller (colpo di testa fuori) e Gonzalez, ma anche il rischio sul tentativo di Baraye (bella respinta di Vannucchi). Nel finale l’ingresso di Piccolo, messo in avanti a far da torre, rappresenta l’ultimo tentativo, soffocato dalla difesa a cinque messa in campo da D’Aversa nel finale.