Palladini si infuria: “Stiamo facendo un gran campionato e sento solo critiche”

La conferenza infuocata di Palladini, innervositosi per alcune dichiarazioni durante la settimana e a fine partita 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I rossoblu vincono col Teramo, raggiungono 24 punti e avvicinano il gruppo di testa. Nonostante l’ottima gara dei suoi, Palladini viene accolto con una considerazione sul primo tempo, giocato peggio, secondo un giornalista. Palladini sbotta.

“Stiamo facendo un signor campionato e sento solo critiche, ogni volta si cerca il pelo nel pagliaio. Se vinciamo non va bene, quando perdiamo si iniziano subito a cercare i colpevoli. Siamo a 24 punti e si parla solo di quel giocatore che va via a gennaio, di altri che devono arrivare, di chi gioca e chi no. Questi ragazzi stanno giocando tutte le loro partite con il massimo dell’impegno e dell’intensità, questi ragazzi andrebbero elogiati. Ci vuole equilibrio, non è che se vinciamo siamo forti e se perdiamo siamo delle pippe.

Io faccio l’allenatore ma qua sembra che devo fare il pompiere. Oggi come si fa a dire che abbiamo giocato male nel primo tempo? Cosa state dicendo??? Nel secondo tempo meglio? Solo per i gol, perché nei primi 45′ li abbiamo chiuso nella loro trequarti tutta la partita. Capisco le critiche ma ci vuole un po’ di testa nel giudicare. Dopo la partita con la Reggiana ho sentito cose ingiuste. La squadra deve essere aiutata nel momento del bisogno. Ma cosa pensate?”

All’ennesima giustificazione sul primo tempo, l’allenatore rossoblu ha abbandonato la sala stampa.

AGGIORNAMENTO: più tardi il tecnico rossoblu, sollecitato dall’ufficio stampa, è tornato e ha rilasciato le seguenti dichiarazioni.

“Parliamo di calcio. Io voglio parlare di calcio e non del pelo nell’uovo. La scorsa settimana abbiamo giocato male. La mia analisi l’ho fatta più volte. Io ho 23 giocatori e sono contento di quello che abbiamo a disposizione.

Fino a gennaio per me saranno tutti uguali. Finché sono qui voglio recuperare tutti ma proprio tutti. Parlo degli infortunati, parlo degli squalificati e anche di altri. Oggi Radi ha fatto una signora partita. Mori, che rientrava da un infortunio lungo, ha giocato benissimo. Vogliamo parlare di N’Tow? Ho i miei difetti ma da quando faccio l’allenatore sono sempre sceso in campo per provare a vincere. Noi vogliamo salvarci il prima possibile. Noi non dobbiamo pensare, ad esempio, che siccome abbiamo 24 punti la prossima settimana sarà facile battere una squadra (il Lumezzane) che ne ha 11.

Noi oggi paradossalmente abbiamo giocato meglio nel primo tempo che nel secondo. Nella ripresa infatti il Teramo ci ha messo in difficoltà. Non sono arrabbiato per me, mi dispiace per i miei ragazzi. Qui bisogna avere equilibrio in tutte le cose. Questo è un ambiente dove ci si esalta facilmente. Se poi si perde si ritorna nel dimenticatoio. Posso capire quando eravamo in serie D. Adesso no. Questo è un anno importante per noi. Pegorin? Va fatto crescere, è giovane. A Bassano ha fatto un errore ma nelle altre ha sempre fatto bene. Oggi mi serviva esperienza e quindi la scelta è caduta su Aridità. Questa non è una bocciatura per l’altro, sia chiaro”

No comments
Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami