La Maceratese si arrende: arriva il fallimento

Una via crucis piena di dolore, false speranze, bugie e terminata con la rassegnazione. La Maceratese è la terza squadra esclusa dal prossimo campionato di Serie C, dopo Latina e Como. A nulla è valso l’ultimo tentativo del “Comitato Salviamo la Maceratese“: la massa debitoria è troppo alto per evitare il fallimento societario.

L’attuale presidente del club Carlo Crucianelli, membro del comitato ed ex responsabile del settore giovanile, ha annunciato alla stampa l’impossibilità di sbrogliare la matassa. “Verrà studiata la formula più conforme alla legge, alla quale verranno demandate le ricerche delle responsabilità di tale disastro”. Dalle parole di Crucianelli a Cronache Maceratesi traspare tutto lo scoramento per gli ultimi terribili mesi dei biancorossi.

Da ottobre ad oggi, la Maceratese è riuscita a cambiare ben 4 presidenti: Tardella, Spalletta, Liotti e lo stesso Crucianelli. Dopo la decisione dell’imprenditrice Tardella di cedere le quote del club, la Maceratese passa all’italo-svizzero Filippo Spalletta. Alla firma del contratto e all’acquisizione del 95% della società, però, non fanno seguito i pagamenti degli stipendi. Per tutta la stagione si avvicinano alla società numerosi avventurieri e, nel mese di marzo, sembra realizzarsi la cessione delle quote a una cordata di romani. Il gruppo formato da Macaluso, Fantauzzi e Massone accusa gli ultras della Rata di tentata aggressione e, improvvisamente, abbandonano la trattativa.

Il 21 aprile sembra essere il giorno utile per tornare a sperare: Spalletta cede la Maceratese all’imprenditore Claudio Lotti. Il nuovo proprietario si presenta nel peggiore dei modi: contro il Venezia il club è costretto a giocare a porte chiuse per il mancato pagamento degli steward. Il resto è storia recentissima: quando ormai la situazione è disperata arriva l’estremo tentativo del Comitato, risultato invano. Cambiano i nomi, ma non la trama: anche la Maceratese è vittima dello stuolo di banditi e avventurieri che da anni infetta le serie minori del calcio italiano.

No comments
Share:
Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami