Palladini: “Contro il Gubbio sfida ad armi pari”. Frison e Ferrario dal primo minuto

Le dichiarazioni di mister Ottavio Palladini in conferenza stampa

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Samb guarda avanti e non si volta. Smaltita – ma non dimenticata – la sconfitta contro il Mantova i rossoblu si preparano ad affrontare, dopo soli due giorni, un’altra pericolosa compagine, ovvero quella di mister Magi – reduce da due vittorie consecutive.

Tutti convocati ad eccezione di N’Tow, ancora infortunato, e Raccichini. La formazione non è ancora stata stabilita ma le intenzioni di mister Palladini appaiono abbastanza chiare. Frison si prepara ad esordire mentre Ferrario entrerà a partire dal primo minuto al posto di Mori. Lo schieramento iniziale non vedrà la presenza di Damonte che, a detta del tecnico, non ha ancora raggiunto la condizione ideale.

Valutati inoltre Di Pasquale, colpito da un fastidio al polpaccio, e Tortolano: “Il problema fondamentale di questi giocatori, è la loro condizione fisica – ha spiegato l’allenatore in conferenza stampa – Questo influisce molto sulla formazione. Contro il Mantova Mori e Di Pasquale mi hanno chiesto il cambio e Tortolano, dopo 70 minuti, non ce la faceva più. Devo quindi gestire la partita in una determinata maniera perché ancora diversi elementi non hanno i 90 minuti nelle gambe”.

Una cosa è certa, contro il Gubbio lo schieramento non verrà stravolto. Non è da scartare a priori l’ipotesi Fioretti/Sorrentino: “Nel corso del ritiro li ho provati insieme e ho sempre detto che potrebbero funzionare – ha risposto Palladini – Il mio obiettivo è quello di giocare col 4-4-2 ma a questo ci si arriverà quando abbiamo le condizioni per farlo”.

Alla domanda “firmeresti per un pareggio?” il tecnico della Sambenedettese ha risposto categoricamente di no: “Le gare vanno giocate e mi aspetto una crescita – ha spiegato – A livello di gioco, di possesso palla e di tenuta del campo i ragazzi sono migliorati molto. Ho rivisto il video della gara di sabato e torno a dire che abbiamo giocato meglio contro il Mantova rispetto alla Maceratese. Adesso tutte le squadre stanno facendo fatica. Guardiamo il Parma, il Venezia o lo stesso Teramo che ha una rosa di tutto rispetto. Non è il modulo che fa la differenza ma l’atteggiamento”.

Sarà, come tutte le altre, una partita difficile: “Magi conosce bene i suoi giocatori – ha spiegato – Stiamo parlando di un gruppo coeso e ben organizzato. Giocano insieme da tre anni e questo aspetto non è da sottovalutare. In occasione dell’ultimo incontro il Gubbio ha vinto ma ha sofferto tanto. Per domani mi aspetto una sfida alla pari”.

No comments
Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami