Fedeli: “Oggi non abbiamo indovinato niente. Non c’era il centrocampo”

Le parole del presidente a margine del pareggio con l’Albinoleffe

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il presidente arriva

“Cosa abbiamo sbagliato? Il fatto è che non abbiamo indovinato niente. Loro non hanno rubato nulla, anche se alla fine abbiamo avuto molte occasioni per vincerla. Oggi siamo stati lenti a centrocampo; Sabatino e Berardocco li ho visti spenti, e Lulli non è stato lo stesso di sempre. Il centrocampo deve coprire la difesa e fare ripartire l’attacco, se manca quello manca tutto. Oggi è mancato. Il portiere ha fatto bene.

I problemi dell’attacco? Nel momento in cui abbiamo spinto di più abbiamo costruito tanto, ma non ci possiamo svegliare sempre alla fine, anche perché spesso non basta. L’arbitraggio? A caldo ho detto che l’arbitro è un disonesto, ma alla fine… Beh, non do la colpa a lui perché darei alibi ai giocatori.

Oggi ho visto una prestazione incolore, a Lumezzane non è andata benissimo ma abbiamo fatto risultato. Oggi per me è stata una partita persa. A me piace essere primo, però con queste prestazioni non andiamo da nessuna parte”.

Gli si chiede se l’aiuto può arrivare dal mercato.

“Il passo in avanti devono farlo i giocatori mettendoci di più, a prescindere dal mercato. Non ha senso parlare di acquisti a metà campo, perché Zappacosta non l’ho mai visto giocare e non posso giudicarlo. A volte pare che prendiamo i giocatori per fare numero e basta.

Oggi in difesa mancava Mori, e Ferrario si è fatto male nel riscaldamento, a dimostrazione che hanno ancora acciacchi passati. Queste sono cose che mi preoccupano.

Su Mancuso e Lulli l’unica cosa che posso dire è che oggi – sicuramente – non li avremmo venduti.

Il Bassano ha perso? Quella non è una squadra per vincere il campionato. Ci vuole una città, un’organizzazione, tante cose. Loro sono una piccola realtà, non hanno neanche lo stadio… Le squadre da temere sono Venezia, Parma e Reggiana sono da temere. Il Padova? Qui non l’ho vista benissimo, ma si è ripresa bene”.

 

No comments
Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami