Sanderra: “Siamo stati dei polli”, Gadda: “Questo è il calcio”

La conferenza post-partita. Parlano Saderra, Gadda, Conson, Bernardo e Mancuso

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Ad intervenire in sala stampa, dopo Franco Fedeli, mister Sanderra, mister Gadda, Conson, Mancuso e Bernardo. Qui la conferenza di Fedeli, e qui la diretta della partita.

SANDERRA: “Non siamo stati brillanti e neanche maturi.  Non avremmo dovuto allungarci ma restare compatti. Siamo stati dei polli, traditi dalla voglia di vincere. Il passo indietro c’è stato ma nel primo tempo. Gradualmente nella ripresa abbiamo ripreso il filo del gioco. Il Forlì è stato più furbo e intelligente di noi.  Dovevamo evitare questo finale. Il centrocampo? Quando è entrato Bacinovic abbiamo avuto più ordine. Ci abbiamo messo un po’ per capire come giocava l’avversario. Non siamo stati vibranti e determinanti come le scorse giornate. Purtroppo siamo arrivati sempre secondi sul pallone. Non mi sento però di condannare la squadra”.

GADDA: “Non mi sono preso una rivincita nei confronti dei rossoblu. Semplicemente all’andata non eravamo la squadra che siamo adesso. Noi non abbiamo mai mollato e stiamo facendo il possibile per salvarci. Nel primo tempo oggi abbiamo dominato la scena. Nel secondo tempo invece la Samb si è fatta vedere di più senza però aver fatto grandi cose. Il pareggio sembrava aver chiuso i gioco e invece no. Questo è il calcio”.

MANCUSO: “Da una parte c’è stata la voglia di vincere a tutti i costi mentre dall’altra abbiamo peccato di inesperienza. A Fano siamo partiti forti e alti mentre oggi siamo stati più bassi. La scorsa settimana, col Gubbio, abbiamo fatto sicuramente meglio. Il gol? Sono a quota 13”.

20170212_165604

BERNARDO: “Il mister mi ha fatto entrare per dare una mano ma è servito a ben poco. Errore di generosità da parte nostra? Non voglio vederla così. Credo si sia trattato piuttosto di inesperienza”

Un giornalista fa notare a Bernardo che la Samb è composta da giocatori di 30 anni che vantano un curriculum tutt’altro che scarno e proprio per questo sembra paradossale parlare di inesperienza. A questo l’attaccante risponde:

“Non lo so. Non eravamo concentrati al 100%. Eravamo stati bravi e fortunati a pareggiare ma in pochi minuti abbiamo vanificato tutto. Se le partite non si possono vincere allora si deve fare il possibile per non perderle”.

20170212_165951

CONSON: “Tornare a San Benedetto è stata una grande emozione, nonostante alcuni tifosi che mi hanno fischiato, senza motivo. Io qui sarei rimasto, l’ho sempre detto; a Forlì prendo meno di quello che avrei preso qui. La vittoria del Forlì è assolutamente meritata, non è che la Samb abbia fatto chissà cosa. Abbiamo disputato un buon primo tempo. Nel corso della settimana si è lavorato molto. Questa partita è stata preparata con tanta attenzione. Abbiamo analizzato i punti deboli dei rossoblu e oggi abbiamo abbiamo cercato di colpirli. Si, mi spiace non giocare a San Benedetto. Da 1 a 10? Otto. Ora però sono a Forlì e farò di tutto per conseguire gli obiettivi”.

20170212_165726

No comments
Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami