Speciale Sambamercato: Agosto

Dopo anni di incertezza, l’estate sambenedettese ha iniziato a coincidere col calciomercato, e tutto ciò che ne consegue: un turbinio di voci e nomi, decine di pezzi al giorno e una sciarada inesorabile di gregari affidabili, bomber infallibili, procuratori incontrastabili e scommesse esotiche. Noi saremo la vostra guida


IT’S THE FINAL CONTDOWN

Le ultime (folli) 24 ore del mercato di Serie C

Fermana, arriva lo sprint-salvezza

Il mercato della Fermana, fino a poche ore fa, aveva lasciato l’amaro in bocca alla maggior parte dei tifosi canarini. Il club aveva infatti deciso di confermare in blocco la squadra protagonista della promozione (eccetto bomber Molinari). La mancanza di esperienza di gran parte dei giocatori, però, rappresentava un grosso rischio per le speranze di salvezza dei canarini.

La società ha dunque deciso di intervenire pesantemente con 4 acquisti nell’ultimo giorno di mercato: 2 giovani talentuoso e 2 giocatori di grande esperienza. Dalle Primavere di Juventus e Inter sono arrivati l’attaccante King Udoh e il difensore Tommaso Equizi. Dal Siena, invece, ecco Andrea Doninelli, centrocampista classe 1991 con una grande esperienza in Serie C alle spalle.

L’ultimo arrivo per far sognare i tifosi è quello del “Sindaco” Marco Sansovini. Dopo aver segnato valanghe di gol con il Pescara e aver deluso con il Teramo, la punta classe 1980 era in cerca di nuovi stimoli e di una maglia titolare e, dopo un iniziale tentennamento, ha deciso di sposare il progetto della Fermana.

Livorno, quattro arrivi per sognare

Dopo un inizio in sordina, il mercato del Livorno si è acceso improvvisamente finendo con i fuochi d’artificio nell’ultimo giorno utile. A poche ore dalla fine della sessione estiva, i labronici hanno ufficializzato 4 arrivi fondamentali per dare una marcia in più alla squadra.

A centrocampo arriva un mix di esperienza e gioventù garantito da Alessandro Bruno, mediano classe ’83 reduce dal campionato di Serie A con il Pescara, e da Denis Baumgartner, cresciuto nel vivaio della Sampdoria e dotato di grandi doti offensive.

In attacco i toscani si sono assicurati i gol di Mattia Montini, punta scuola Roma che dopo un’ottima stagione al Monopoli era stato acquistato dal Bari. I pugliesi hanno testato Montini per tutto il precampionato e, ritenendo utile un altro anno in C, lo hanno ceduto in prestito annuale senza diritto di riscatto. L’ultimo arrivo è un altro giovane: il classe 1998 Joshua Perez, proveniente dalla Primavera della Fiorentina.

Le ultime (folli) 24 ore di mercato del Modena

In un solo giorno Eziolino Capuano, allenatore e uomo mercato del Modena, è riuscito a rinforzare la rosa a sua disposizione con un importante acquisto per reparto. In difesa ecco il centrale uruguaiano Cristian Sosa, proveniente dall’Alessandria. A centrocampo, invece, i canarini si sono assicurati il talentuoso ex Teramo Federico Carraro, cresciuto nel vivaio della Fiorentina. L’ultimo, grande colpo riguarda l’attacco, con la firma del classe 1989 Piergiuseppe Maritato, a lungo nella lista dei cedibili del Livorno.

In uscita, invece, Capuano ha ufficializzato la rescissione del numero 10 Nolè, libero ora di firmare per il Racing Fondi.

Mestre, in porta un graditissimo ritorno

Grande acquisto per il Mestre, che si è assicurato il ritorno dal Brescia di Riccardo Gagno. Il portierino classe 1997 aveva persino esordito da titolare con le rondinelle, riuscendo a parare un rigore nella sfida contro l’Avellino, ma è tornato in Serie C per difendere la porta della squadra che ha contribuito a riportare tra i Pro.

Il rush finale del Padova

Non si può dire che il Padova non abbia reagito con veemenza alla bruciante sconfitta subita all’esordio in casa del Renate. I biancorossi si sono buttati sul mercato, sia in entrata che in uscita. In extremis la società è riuscita a piazzare due giocatori in esubero come Luca Berardocco e Caio De Cenco.

Il regista ex Samb è un nuovo acquisto del Sudtirol, abile a battere sul tempo la concorrenza della Fermana. L’attaccante De Cenco, invece, passa in prestito alla Pistoiese dopo essere stato messo ai margini del progetto tecnico da mister Bisoli.

In entrata, invece, i patavini hanno voluto rinforzare il centrocampo con un uomo di grande esperienza. Direttamente dalla cadetteria ecco Giampiero Pinzi, capitano di mille battaglie dell’Udinese e un vero lusso per la categoria.

Vicenza, dall’Inter arriva un giovane centrocampista

Il Vicenza ha deciso di pescare in uno dei vivai più prolifici d’Italia per rinforzare il centrocampo. Dall’Inter ecco Lorenzo Tassi, che si trasferisce in biancorosso in prestito con obbligo di riscatto. Il classe 1995 ha già saggiato la Serie C con la maglia del Feralpisalò.

Triestina, un arrivo e un addio: saluta França

Il movimentatissimo mercato della Triestina si è concluso con una cessione eccellente. Saluta gli alabardati la punta Carlos França, che torna nel suo habitat naturale della Serie D, dove può vantare lo status di bomber di razza. Nell’affollatissimo attacco della Triestina, França correva il rischio di vedere poco il campo, chiuso dal numero 9 Rachid Arma e dalla coppia Pozzebon-Petrella. Per França, come prevedibile, si aprono le porte di un ambizioso team di Serie D: nella prossima stagione giocherà con il Potenza, che grazie ai suoi gol tenterà il ritorno tra i professionisti.

Nel frattempo, la Triestina ha messo a segno un buon colpo in prospettiva: dal Benfica ecco il fantasista argentino, con passaporto italiano, Federico Hidalgo Gasparini. Il giovane classe 1999 ha firmato un triennale con la nuova società.

Tocca e fuga: Turchetta lascia il Lecce

Era stato il primo rinforzo del nuovo corso del Lecce che, dopo la cocente delusione dei playoff, aveva deciso di ripartire da mister Rizzo per dare la caccia alla B. L’ex fantasista della Maceratese Gianluca Turchetta era stato presentato come l’uomo giusto al momento giusto per dare smalto al 4-3-1-2 dei salentini.

Il mercato, però, ha rivoluzionato i piani tattici dei giallorossi e Gianluca Turchetta si è trasformato da rinforzo di lusso a esubero da piazzare. A poche ore dal gong, il trequartista è passato alla Casertana in prestito con diritto di riscatto: per lui la possibilità, in questi 12 mesi, che merita una chance in un top team di terza divisione.

La Serie C è il campionato dei trequartisti

In una sola giornata ben 3 trequartisti hanno lasciato la cadetteria per sposare progetti importanti in Serie C. Oltre a Luca Belingheri, che va a rinforzare il Padova di mister Bisoli, sono arrivate le ufficialità di Pasquale Maiorino e Nicola Bellomo.

Il primo è la ciliegina sulla torta del mercato del Livorno, alla disperata ricerca di un colpo che potesse “accendere” la piazza. Reduce dalla promozione con la Cremonese, Maiorino è un fantasista atipico, che unisce talento e fantasia ad una grande duttilità tattica. Nicola Bellomo, invece, lascia la Serie B dopo la retrocessione del Vicenza e sposa il progetto dell’Alessandria, a caccia della B dopo la cocentissima delusione della scorsa stagione.

Colpo dalla B per il Padova

In attesa di risolvere una volta per tutte la vicenda-Strambelli, il Padova ha messo a segno un altro grande colpo a centrocampo. Dalla Cremonese ecco Luca Belingheri, trequartista classe 1983.

Belingheri può giocare da mezzala, ma dà il meglio di sè quando agisce dietro le due punte. L’ex Ascoli ha firmato un biennale con la società veneta, che certifica così – come se ce ne fosse bisogno – la volontà di ottenere la promozione in Serie B.

Scommessa Fermana: arriva Lupoli

Per tentare la salvezza in Serie C la Fermana ha deciso di puntare su una scommessa al cardiopalma. I canarini hanno infatti acquistato Arturo Lupoli dal Sudtirol grazie ad uno scambio con il talento classe ’97 Alessandro Roma.

Arturo Lupoli è da anni l’eterna promessa incompiuta del calcio italiano, il talento esploso all’estero insieme a Giuseppe Rossi. Entrambi, in modo diverso, hanno visto la loro carriera danneggiata da brutti infortuni. Lupoli nell’ultima stagione ha giocato (male) al Sudtirol, senza riuscire a trovare la via della rete. A Fermo può godere di fiducia illimitata e avrà il difficile compito di guidare i compagni alla salvezza.

Che colpo per il Piacenza!

Finora gli acquisti migliori, il Piacenza, se li era tenuti per il centrocampo. Dopo Pederzoli e Scaccabarozzi, ecco però un terzo arrivo di grande spessore. Si tratta di Simone Corazza, attaccante ex Novara con una grande esperienza in Serie C e in cadetteria.

Corazza può agire da attaccante esterno, da seconda punta o da centravanti classico e può considerarsi uno dei colpi più importanti del girone A.

La Triestina non si ferma: arriva Pozzebon

Nonostante una campagna acquisti che non ha badato a spese, la Triestina ha deciso di piazzare un altro, importante colpo di mercato a poche ore dal rush finale. Dal Catania ecco Demiro Pozzebon, forte attaccante ai margini del progetto tecnico etneo a causa degli arrivi di Ripa e Curiale.

Nell’ultima stagione Pozzebon è stato protagonista di una buona stagione in Sicilia, ma Pietro Lo Monaco ha ammesso da mesi di voler puntare su un profilo diverso per dare l’assalto alla B. Con il suo arrivo a Trieste, Pozzebon va a completare un ottimo reparto che può contare sulla superstar Rachid Arma, sul veterano França e sul fantasista Petrella.

Mercoledì 30

Padova, arriva Strambelli?

L’affare-Strambelli occupa le prime pagine del calcio padovano ormai dall’inizio del calciomercato. Tutto ha avuto inizio con il quasi accordo tra la società biancorossa e mister Auteri, che si sarebbe volentieri portato da Matera il forte esterno offensivo. Nonostante la conferma dell’allenatore in Basilicata, Strambelli non ha smesso di interessare a mezza Serie C.

Nelle ultime ore sembrava praticamente ufficiale la fumata bianca con il Padova, ma l’ufficialità stenta ad arrivare. I tifosi biancorossi attendono da tre mesi uno dei migliori esterni della Serie C: tra poche ore, in un senso o nell’altro, verrà finalmente fatta chiarezza.

Il Pordenone completa l’attacco: arriva Magnaghi

Buon colpo per il Pordenone di mister Colucci che, dopo la vittoria in extremis in casa del Santarcangelo, può festeggiare l’arrivo di un attaccante affamato di riscatto.

Simone Magnaghi è reduce da una pessima stagione con la maglia del Taranto, culminata con la retrocessione in D. Il centravanti classe 1993 è da anni una promessa che non riesce a sbocciare definitivamente: gran fisico, buon fiuto del gol e tanto lavoro per la squadra, ma troppi alti e bassi in carriera. A Pordenone Magnaghi ha la grande opportunità di rilanciare la sua carriera in una società che ha appena dato avvio ad un nuovo progetto tecnico.

Martedì 29

Fabio Gerli torna in B

Nell’ultima stagione è stato uno dei migliori centrocampisti della Lega Pro e, a poche ore dalla fine del mercato, è tornato in Serie C dopo aver svolto il precampionato con la Virtus Entella. Fabio Gerli è da anni una giovane certezza della terza divisione italiana: questa sembrava essere la stagione buona per il salto in B, ma a Chiavari non c’è spazio per il “tuttocampista” ex Bassano.

A sorpresa è stata la Robur Siena a mettere le mani su di lui: il classe 1996 è stato nuovamente ceduto in prestito ed è chiamato a confermarsi nuovamente in C per poi puntare all’agognato salto di categoria.

Lunedì 28

Padova, (finalmente) ecco Zambataro

Sembra non dovesse finire mai la querelle burocratica che ha visto protagonista il giovane Eyob Zambataro. Il classe 1998, di proprietà dell’Atalanta, da tempo si allena con la società biancorossa ma il transfer non arrivava in quanto il suo cartellino era al centro di un affare con l‘Inter.

A campionato ormai iniziato, il Padova ha potuto ufficializzare il difensore, che giunge alla corte di Bisoli in prestito annuale.

[nextpage title=”Settimana 4″]

Domenica 27

In Serie C è tempo di rescissioni

Con l’avvicinarsi della fine del mercato cresce l’esigenza di trovare la migliore soluzione per i giocatori ritenuti fuori dal progetto tecnico. L’esordio dei tre gironi, quindi, coincide con una lunga lista di rescissioni di contratto.

Padova e Arezzo rinunciano a due esterni offensivi, da oggi disponibili a parametro zero: i biancorossi rescindono Nicola Petrilli, eroe del ritorno tra i Pro ma poco utilizzato nell’ultima stagione; i toscani invece salutano Paolo Grossi, esperto classe ’85 reduce da una buona stagione condita da 25 presenze e 5 reti.

Nel girone A la Giana Erminio ha deciso di liberare il portiere Sergio Viotti, protagonista dell’ottima stagione della società di Gorgonzola.

Sabato 26

Triestina, colpo Porcari

Dopo un lungo corteggiamento Filippo Porcari si è ufficialmente aggregato alla Triestina, che si è assicurata le prestazioni del giocatore in prestito per un anno. Con l’arrivo dell’ex Cremonese (protagonista nella promozione dello scorso anno) gli alabardati hanno completato una spina dorsale di tutto rispetto, con due sicurezze come Mori in difesa e Arma in attacco.

Il centrocampista classe ’84 (che conta esperienze in A e B con Carpi, Novara, Bari, Spezia e Avellino) ha disputato oggi il suo primo allenamento coi nuovi compagni. Per lui pronta la maglio numero 17.

Il Pordenone rinforza l’attacco

Dopo la rescissione consensuale con Pietribiasi, autore di una stagione deludente (21 presenze, spesso dalla panchina, 0 gol) i ramarri hanno deciso di completare l’attacco con Piergiuseppe Maritato, del Livorno. Rispetto ad Arma l’attaccante granata è un centravanti più classico, meno mobile ma ben strutturato e bravo nel gioco aereo.

Nonostante la poca prolificità (non è mai andato in doppia cifra) Maritato è un ottimo pivot offensivo, capace di coinvolgere i compagni e tenere alta la difesa. Un profilo utile per il 4-3-3 di Colucci, che per l’assalto alla Serie B ha deciso di puntare su una squadra che unisca qualità tecnica e forza fisica fisica. Dopo la buona stagione coi toscani (32 presenze, 8 gol) l’ex granata arriva a Pordenone per giocarsi un posto con Gerardi.

Galuppini alla corte di Capuano

A un giorno dalla gara contro i rossoblu i canarini aggiungono un altro pezzo al reparto offensivo. È notizia di stamattina l’arrivo in prestito di Francesco Galuppini, attaccante classe ’93. Il centravanti viene da una grande stagione in Serie D, al Ciliverghe Mazzano, dove ha realizzato 22 reti in 32 partite.

L’attaccante non è nuovo alla Serie C, già assaggiata tra il 2012 e il 2015 vestendo le maglie di Lumezzane, Real Vicenza e Feralpisalò. Dopo le esperienze con Piacenza e Ciliverghe, e a 24 appena compiuti, il centravanti gialloblu ha un’altra chance di farsi valere nel calcio che conta.

Venerdì 25

La Feralpisalò rinforza la linea verde

In attesa dell’inizio della nuova stagione, la Feralpisalò di Serena – con la squadra già completa – si concentra sul futuro. Dopo un breve periodo di prova i gardesani hanno ufficializzato l’arrivo di Yobouet Sylla Yacou, classe ’99 proveniente dal Pro Piacenza.

L’attaccante ivoriano, che conta 5 presenze in under 20, arriva in riva al Garda a titolo definitivo. La società non ha specificato la durata del contratto.

La Triestina rinforza le fasce

Dopo aver messo le mani su Mori, gli alabardati ufficializzano l’arrivo di un altro ex difensore rossoblu: Fabrizio Grillo. Dopo le esperienze a Livorno e Pavia il terzino sinistro ha passato gli ultimi 6 mesi alla Sambenedettese, ma – complici gli infortuni – si è visto pochissimo.

Dopo appena 5 presenze in 5 mesi il terzino cerca rilancio a Trieste in una squadra di grandi ambizioni: “Arrivo in una piazza importante e in una società ambiziosa, con valori – queste le sue prima parole – Per quanto riguarda il mio percorso personale lo reputo un punto di partenza dopo stagioni difficili a causa di qualche problema fisico”.

Ma la squadra di Sannino non sembra fermarsi qui. Secondo indiscrezioni di trivenetogoal.it la società alabardata avrebbe chiesto informazioni anche per Garufo (Parma) e Bandini (Inter, l’anno scorso a Mantova).

Mercoledì 23

Modena, due arrivi low cost

A pochi giorni dall’esordio in campionato contro la Sambenedettese, mister Capuano assicura al suo Modena due colpi importanti a costo zero. Arrivano in gialloblu in prestito annuale i difensori Matteo Solini e Dario Alberto Polverini.

Solini è un centrale mancino, forte fisicamente e a suo agio nel far ripartire l’azione. Nella difesa a 3 di Capuano può indifferentemente  occupare la posizione centrale o quella di sinistra. Polverini, invece, è un roccioso centrale reduce da un brutto infortunio che ha pregiudicato la sua esperienza al Pisa. Una volta recuperata la piena condizione fisica, può essere un innesto fondamentale per il reparto arretrato del Modena.

Martedì 22

Reggiana scatenata: tre rinnovi e un arrivo

Tre colonne da cui ripartire per migliorare i risultati dell’ultima stagione. La Reggiana ha deciso di rinnovare i contratti di Gael Genevier, capitano granata, Andrea Bovo e Massimiliano Carlini, arrivato a gennaio e subito entrato nel cuore dei tifosi.

La società di Mike Piazza si è anche resa protagonista di un interessantissimo colpo in avanti: dal Renate arriva in granata Aiman Napoli, punta reduce da un ottimo campionato nel Girone A. L’attaccante classe 1989 sa segnare, dispensare assist e non si tira mai indientro quando c’è da sudare per la squadra: l’elemento ideale per valorizzare la fantasia di Carlini e Cesarini.

Il Vicenza rinforza l’attacco

In un colpo solo il Vicenza ha ufficializzato due grandi innesti per il reparto avanzato. Il primo è Gianmarco Comi, voglioso di riscatto dopo l’ultima deludente stagione tra Carpi e Vercelli. Il secondo è Eric Lanini, giovane punta della Juventus arrivato in prestito annuale.

Comi e Lanini sono attaccanti diversi tra loro e complementari: il primo ama difendere palla spalle alla porta, il secondo sa attaccare la profondità con forza e rapidità. I due acquisti vanno a risolvere la grande lacuna in attacco della società biancorossa, che ora può candidarsi a tutti gli effetti per una stagione da protagonista.

Lunedì 21

Il Siena si assicura Lescano

Agli albori del mercato estivo era uno degli obiettivi della Sambenedettese per rinforzare l’attacco. Giovane, in cerca di riscatto tra i Pro, reduce da un’ottima stagione con l’Igea Virtus, Facundo Lescano aveva attirato le attenzioni di mezza Serie C. A spuntarla, alla fine, è stato il Parma che lo ha acquistato a scatola chiusa durante i playoff, senza sapere in quale categoria avrebbe giocato.

Con la promozione in B, i ducali hanno ulteriormente rinforzato il reparto avanzato e per Facundo Lescano gli spazi sono diventati ridottissimi. Sul giocatore si è fiondato il Siena, che lo ha strappato per un anno in prestito: con l’esperienza Alessandro Marotta e la fantasia di Samuele Neglia, Lescano va a completare un attacco di grande qualità.

[nextpage title=”Settimana 3″]

Domenica 20

Padova, non arriva il tesseramento di Zambataro

“Non ha ancora avuto il visto e non so come mai, ma nella mia mente io devo dare spazio a chi certamente è tesserato“. Il protagonista delle parole di mister Bisoli è Eyob Zambataro, terzino classe 1998 arrivato dal vivaio dell’Atalanta. Il difensore ha visto pochissimo il campo nelle amichevoli estive, pur avendo svolto tutto il precampionato con il Padova.

Il problema ruota attorno alle pratiche burocratiche del tesseramento: il cartellino del giovane appartiene all’Atalanta che, però, starebbe cedendo il giocatore all’Inter, che lascerebbe Zambataro in prestito ai biancorossi.

Reggiana, via Falcone

Prosegue l’opera di sfoltimento del centrocampo in casa Reggiana. Nelle ultime ore, dopo aver salutato Federico Angiulli, i granata hanno ufficializzato l’addio di Luigi Falcone. L’esterno sinistro è il nuovo acquisto del Catanzaro e ha firmato un contratto annuale con opzione per il secondo anno.

La società emiliana, ora, dovrà decidere se cedere o meno l’eterna promessa Marti Riverola, che fa gola a tanti club ma gode di un ingaggio molto importante. In caso di addio di Riverola, mister Menichini si troverebbe con i soli Genevier, Bobb, Lombardo e Bovo in mezzo al campo: troppo pochi per una squadra che vuole puntare alla vittoria.

Sabato 19

Un brasiliano per l’attacco del Modena

Senza un direttore sportivo, senza la benchè minima certezza societaria, ma con un allenatore che non ha intenzione di arretrare di un centimetro. Mister Capuano ha preso le redini del Modena Calcio e ha portato in Emilia la punta Adriano Louzada Silva.

L’attaccante brasiliano, proveniente dal Matera, va ad arricchire un reparto più che mai povero di soluzioni e che a breve potrebbe salutare il fantasista Nolè.

Vicenza, firma un talento ex Milan

Dopo aver fatto parlare di sè nelle giovanili del Milan, Davide Di Molfetta vuole provare il salto nel calcio dei grandi. L’esterno offensivo classe 1996 ha firmato un biennale con il Vicenza e proverà ad inserirsi nelle rotazioni dell’undici biancorosso.

Rapido, ottimo dribbling e piede educatissimo, Di Molfetta deve crescere tanto dal punto di vista fisico e tattico: il calcio giovanile è il passato, ora si spalancano le porte dei grandi palcoscenici.

Venerdì 18

Che scambio tra Pisa e Ternana!

Nel giro di pochi giorni Pisa e Unicusano Ternana hanno messo a segno uno scambio importante per il centrocampo di entrambe le squadre. Federico Angiulli lascia il Pisa per restare in Serie B con la maglia della Ternana. Luca Giannone, invece, compie il percorso inverso e torna in Serie C con il Pisa dopp aver fatto vedere grandi cose con la maglia del Fondi.

La Ternana ora può contare su un centrocampista estremamente duttile, che può assicurare quantità e qualità al gioco delle Fere. Il Pisa, invece, si assicura uno dei migliori trequartisti della Serie C, capace di rompere gli schemi con una giocata personale.

Aquilanti va in Sicilia

Negli ultimi mesi era stato inserito come obiettivo di gran parte dei club di Serie C ma, alla fine, a prevalere è stata la Sicula Leonzio. La società siciliana ha acquistato dalla Feralpisalò Antonio Aquilanti, esperto difensore ex Lanciano.

Il classe ’85 può giocare sia da centrale che da terzino destro e si unisce ad una squadra che, pur essendo alla prima esperienza tra i Pro, sembra avere le idee chiarissime come testimoniano gli arrivi di Narciso, Marano, Arcidiacono e Bollino. Aquilanti si trasferisce in Sicilia con un contratto biennale.

Giovedì 17

Tutti pazzi per Vallocchia

Nel giro di pochi mesi Andrea Vallocchia si è trasformato da giovane riserva, talentuosa ma “timida” in campo e difficile da collocare tatticamente, a perno insostituibile della formazione rossoblu. L’ex Benevento è cresciuto fisicamente, ha guadagnato sempre più fiducia e nelle prime gare ufficiali di questa stagione ha mostrato una visione di gioco e un’abilità nel dribbling da categoria superiore.

Non a caso diversi club di Serie A e B hanno messo gli occhi sul talento mancino con l’idea di acquistare il cartellino a gennaio lasciandolo in prestito fino al termine della stagione. Nella massima serie c’è l’Hellas Verona del diesse Bigon e il Cagliari, mentre in cadetteria si è fatto avanti il solito Pescara, sempre attento a monitorare i migliori giocatori della C.

La società rossoblu ha manifestato l’intenzione di trattenere il ragazzo anche di fronte a offerte importanti: la famiglia Fedeli ha creduto in Vallocchia da sempre e ora non vuole lasciarselo scappare.

Sudtirol, arriva Gyasi

Finalmente un rinforzo per l’attaco del Sudtirol. Dopo i tanti addii, su tutti quello di bomber Gliozzi, la società tirolese ha ufficializzato l’acquisto di Emmanuel Gyasi, giunto in prestito dallo Spezia. Nelle ultime due stagioni il ghanese ha giocato tra alti e bassi a Carrara e Pistoia, mettendo insieme 12 gol.

Dotato di ottima velocità e buon dribbling, Gyasi va a rinforzare un reparto che poteva contare solo sull’enfant prodige Arturo Lupoli e sulla scommessa Rocco Costantino, reduce da un’annata strepitosa in D con la Vis Pesaro.

Mercoledì 16

Alla Reggiana manca un centrocampista

A differenza della scorsa stagione, la Reggiana ha deciso di condurre un mercato in tono minore. Pochi colpi roboanti, dunque, ma fiducia a gran parte della rosa che ha ben figurato nel finale di stagione.

Come sottolineato dal diesse Magalini, però, la società deve ancora trovare rimedio ad una grande lacuna a centrocampo: senza Marti Riverola – che non rientra nel progetto tecnico granata – in rosa ci sono solo capitan Genevier, Andrea Bovo e i giovani Lombardo e Bobb.

Nella lista del direttore sportivo figurano nomi importanti come Francesco Della Rocca (in uscita dalla Salernitana), Fabio Scarsella della Cremonese e il talento classe 1996 Roberto Zammarini.

Turchetta, da grande acquisto a esubero di lusso

Solo due mesi fa Gianluca Turchetta veniva ufficializzato come il primo acquisto del Lecce, il talento da cui ripartire dopo l’ennesima delusione dei playoff di Serie C. Il fantasista ex Maceratese sembrava rientrare in pieno nei progetti tecnici di mister Rizzo, ma il nuovo regolamento sul numero di over in rosa ha cambiato tutto.

In questo momento il Lecce supererebbe i 14 over in rosa e Turchetta non può essere registrato come “giocatore bandiera”, motivo per cui la società giallorossa ha deciso di metterlo sul mercato. Su di lui, come prevedibile, hanno messo gli occhi tantissime squadre, ma il Bassano sembra in vantaggio su tutti. L’allenatore Giuseppe Magi stravede per lui e vuole farne un perno del 4-3-3.

Martedì 15

Pordenone, cercasi un difensore d’esperienza

L’ottimi percorso in Coppa Italia, culminato con la vittoria in rimonta contro il Lecce, ha riacceso l’entusiasmo in casa Pordenone. La rosa a disposizione di mister Colucci, tuttavia, necessita ancora di qualche rinforzo per dare la caccia ai primi posti.

In difesa i ramarri sono chiamati a sostituire due cessioni eccellenti come Daniel Semenzato e Andrea Ingegnieri. Notizia delle ultime ore è l’interessamento per Antonio Pergreffi, colonna del Piacenza. Il difensore classe ’88 ha ricevuto una proposta di rinnovo dagli emiliani, ma il Pordenone è in forte pressing per assicurarsi uno dei centrali più esperti della Serie C.

Lunedì 14

Triestina, arriva El Hasni

Dopo alcune settimane di “prova” in casa Triestina è arrivata l’ufficialità del tesseramento di Oualid El Hasni. Il difensore centrale classe 1993 è cresciuto nelle giovanili del Werder Brema e in questa stagione affronterà da ex il Vicenza, con cui ha militato in Serie B.

Non ci si annoia mai a Modena

Come se non bastassero le beghe societarie, gli sfoghi di Capuano e il brutto precampionato, i tifosi del Modena devono difendersi da un altro scossone: il direttore sportivo Luigi Pavarese ha rescisso il contratto che lo legava ai gialloblu.Una fuga che fa male, quella di Pavarese, per di più giunto nel momento più delicato della sessione di mercato.

Il Modena è partito a rilento a causa delle trattative di vendita della società, ma ora ha urgente bisogno di un’accellerata sul mercato per rinforzare l’organico. Mentre in Emilia è partito il toto-nome per il nuovo diesse  (non si esclude la pista che porta al doppio ruolo di Capuano), Pavarese ha già  firmato per il Campobasso in Serie D.

[nextpage title=”Settimana 2″]

Domenica 13

Il Feralpisalò non si ferma

Nonostante i riflettori del Girone B siano tutti puntati su Padova, Triestina e Vicenza, non può passare inosservato il grande mercato di cui si sta rendendo protagonista il Feralpisalò. L’ultimo arrivo in riva al Lago di Garda è Ferdinando Vitofrancesco.

Il terzino ex Lecce unisce una preziosa esperienza in B e C ad una strabiliante duttilità: terzino destro, esterno di centrocampo e mezzala, Vitofrancesco sa fare tutto e sa farlo bene.

Fermana: 3 acquisti per la salvezza?

“Un terzino sinistro, un esterno d’attacco e un centravanti. Siamo a buon punto, ma non abbiamo delle scadenze fissate, si potrebbe chiudere a breve come dover aspettare ancora qualche giorno. Se andranno in porto saranno tre acquisti importanti per completare in nostro impianto di gioco, speriamo quindi che si possano concludere positivamente”. Il direttore tecnico della Fermana Massimo Andreatini delinea le strategie di mercato a due settimane dall’esordio in campionato.

Finora i gialloblu hanno voluto puntare sul blocco che ha vinto il campionato di D, ma l’intenzione ora è di arricchirlo con giocatori di provata esperienza in C. Per il ruolo di terzino sinistro il nome forte è Nicolò Sperotto, reduce da una buona stagione a Como.

Sabato 12

Modena, è il Giorno buono per un acquisto

In attesa di far luce sul futuro societario, il Modena ha messo a segno un interessante acquisto a centrocampo. Si tratta di Francesco Giorno, esterno destro di proprietà del Parma.

Il classe 1993 aveva firmato in estate con i ducali dopo essersi svincolato dalla Casertana, club con il quale aveva disputato un’ottima stagione condita da 35 presenze e 4 gol. Nel 3-5-2 di mister Capuano potrà essere un rinforzo importante per la fascia destra.

Venerdì 11

Triestina, un rinforzo dal Teramo

Al puzzle a disposizione di mister Sannino si aggiunge un altro, importante pezzo. La Triestina ha ufficializzato l’arrivo dal Teramo di Mirco Petrella, esterno classe 1993.

Dopo 6 stagioni – e ben 3 promozioni – con i diavoli abruzzesi, Petrella ha deciso di sposare l’ambizioso progetto degli alabardati. A suo agio come esterno nel 4-4-2, Petrella può agire anche come ala in un tridente oppure da seconda punta.

Vicenza, Giacomelli resta e rilancia

Nonostante la retrocessione, nonostante i contrasti con la tifoseria, nonostante il corteggiamento di diversi club di Serie B: Stefano Giacomelli sarà il campionato del Vicenza anche in questa stagione.

La società biancorossa aveva accettato l’offerta dell’Avellino, ma Giacomelli non se l’è sentita di lasciare quella che dal 2012 è la sua casa. L’esterno d’attacco, dunque, ha rifiutato il trasferimento in Serie B e ha un obiettivo ben preciso: vincere il campionato con il Vicenza e siglare sul campo la pace con i tifosi.

Modena, una punta dal Lecce

Oramai i tifosi del Modena ci sono abituati: mentre la confusione regna sovrana nella società gialloblu, il patron Caliendo continua a portare avanti il mercato come se niente fosse. Con notevole ritardo, rispetto alle avversarie del Girone B, il Modena sta costruendo la rosa seguendo le direttive di Mister Capuano.

L’ultimo acquisto è l’under Mattia Persano. L’attaccante classe 1996 arriva in prestito dal Lecce, club che crede nel suo talento e ha deciso di mandarlo in Emilia per permettergli di giocare con continuità.

Giovedì 10

Il Vicenza ha trovato la punta

Dopo settimane di voci e trattative, il Vicenza ha colmato un’importante lacuna della propria rosa. I biancorossi hanno acquistato a titolo definitivo Nicola Ferrari dal Venezia.

L’esperto centravanti era stato uno dei fiori all’occhiello del mercato dei lagunari. Mister Inzaghi, però, nel corso della stagione gli ha sempre preferito punte più fisiche come Geijo, Marsura e Moreo. Per Ferrari, ora, ha inizio una nuova avventura in una squadra che vuole tornare al più presto in Serie B.

Mercoledì 9

Il Modena perde un altro pezzo

L’aria che si respira attorno al Modena Calcio da mesi non è delle migliori, e non accenna a migliorare. La squadra emiliana è ancora indietro dal punto di vista numerico e qualitativo a causa dell’immobilismo societario sul mercato.

Il patron Caliendo da tempo ha promesso una cessione che non è mai arrivata, i tifosi sono sul piede di guerra e Mister Capuano ha più volte esternato il suo malcontento per i mancati arrivi. A gettare altra benzina sul fuoco ci ha pensato l’ufficialità della cessione di uno dei migliori giocatori nella rosa gialloblu.

Daniele Giorico si trasferisce al Carpi, firmando un contratto di 4 anni. Per la squadra di mister Calabro si tratta dell’innesto perfetto per il 3-5-2 dell’ex allenatore del Virtus Francavilla; per il Modena, invece, il suo addio rappresenta l’ultima delusione di un precampionato da dimenticare.

Martedì 8

La Triestina rinforza il centrocampo

Il tempo stringe e la Triestina è chiamata a rinforzare la squadra per mantenere le ambiziose promesse. La società alabardata si è mossa a centrocampo affiancando al giovane Aquadro l’esperto Ivan Castiglia.

Il centrocampista classe ’88 si trasferisce dal Siena e porta in dote intelligenza tattica e una grande forza fisica. Nel 4-4-2, provato da Sannino nel precampionato, Castiglia può integrarsi perfettamente al regista ex Venezia formando il giusto mix di quantità e qualità.

Arezzo: old fashioned striker

Dopo Davide Moscardelli e Aniello Cutolo, l’Arezzo ha acquistato un’altra punta dal pedigree importante. Si tratta di Marco Cellini, veterano del gol tra Serie C e cadetteria, reduce da un brutto infortunio che gli ha condizionato l’avventura a Livorno.

Brevilineo, rapido, rapace d’area, Marco Cellini sa attaccare la profondità come poche altre punte in Serie C. L’unica, grande incognita però resta la condizione fisica di un giocatore classe 1981. Una cosa certa: nessuno ad Arezzo potrà lamentarsi di una squadra senza esperienza.

Lunedì 7

M’bala Nzola segue il maestro

L’ultima, maledetta partita contro il Livorno e la lunga squalifica subita ne hanno intaccato l’immagine ma non hanno allontanato M’Bala Nzola dalla Serie B. L’attaccante colored, protagonista di una stagione strepitosa con il Virtus Francavilla, ha firmato un contratto che lo legherà al Carpi fino al 2022.

In Emilia il giovane classe ’96 ritroverà mister Calabro, il maestro che lo ha fatto crescere e lo ha lanciato nel calcio che conta. L’inserimento di Nzola negli schemi del Carpi potrebbe essere più semplice del previsto, dal momento che Calabro ha deciso fin da subito di puntare sul 3-5-2, il suo marchio di fabbrica. M’Bala Nzola dividerà l’attacco, mercato permettendo, con Jerry Mbakogu, andando a formare una coppia dalla forza fisica spaventosa.

Reggiana, arriva un difensore

Sembrava ad un passo dalla Triestina, ma alla fine Alessandro Bastrini è un nuovo giocatore della Reggiana. Il difensore centrale, cercato anche dalla Sambenedettese, arriva in prestito dalla Cremonese neopromossa in Serie B.

L’arrivo di Bastrini in granata potrebbe comportare una cessione in difesa: l’indiziato numero 1 è Sabotic, da settimane obiettivo del Padova.

[nextpage title=”Settimana 1″]

Sabato 5

Russotto ha convinto il Catania

Serietà, impegno, perseveranza: Andrea Russotto è stato protagonista di un’estate ricca di colpi di scena, che si è conclusa con un meritato lieto fine. Dopo due stagioni difficili, il Catania si è reso protagonista di un mercato sontuoso, portato avanti dal direttore Lo Monaco in sinergia con il nuovo allenatore Cristiano Lucarelli.

Andrea Russotto ha indossato la maglia del Catania nelle ultime due stagioni, quando l’obiettivo non era la vittoria del campionato e le pesanti penalizzazioni rendevano impossibile ogni sogno di gloria. Con l’arrivo del nuovo corso, la società aveva deciso di privarsi del fantasista classe ’88 e dell’attaccante Demiro Pozzebon poiché ritenuti non idonei ad una squadra con chiare ambizioni di vetta. Nonostante questo Russotto ha lavorato con grande applicazione, senza risparmiarsi mai e arrivando a convincere Lucarelli che lui in questa squadra ha ancora tanto da dare.

Il lieto fine è rappresentato dal rinnovo del contratto, che legherà Russotto al Catania per altre due stagioni. Tutto è bene quel che finisce bene.

Triestina: un regalo per il ripescaggio

È finalmente arrivata l’ufficialità del ripescaggio in Serie C della Triestina. Il club alabardato, a dir la verità, aveva da tempo l’ufficiosa certezza di poter far parte della terza divisione italiana e si è mossa con largo anticipo per attrezzare una rosa all’altezza.

Dopo gli arrivi di Mori, Aquadro, Bracaletti e Arma è in arrivo un altro acquisto di lusso per la categoria. Si tratta di Filippo Porcari, esperto centrocampista reduce dall’emozionante cavalcata della Cremonese. Il classe ’84 garantirà quantità,qualità e duttilità a mister Sannino: può giocare davanti la difesa, ma si trova a suo agio anche come mezzala per sfruttare le sue doti di inserimento.

Venerdì 4

Patrik Ciurria è del Pordenone

Dopo l’ufficialità di Lulli il Pordenone continua la rifondazione della squadra con un altro colpo a centrocampo. È notizia di oggi la firma di Patrik Ciurria, che dopo la stagione passata tra Sudtirol e Robbie Siena ha firmato un contratto di tre anni col Pordenone. Il trequartista mancino classe ’95 è un giocatore rapido e tecnico, capace di giocare su entrambe le ali e sulla trequarti, oltre che esterno nella mediana a quattro.

Il suo arrivo darà molta elasticità alla squadra di Colucci, permettendo all’allenatore ex Reggiana di alternare 4-4-2 e 4-3-3, oltre che il rombo già caro ai ramarri.

Giovedì 3

Lulli è un tamarro ramarro

Dopo una stagione contraddistinta da alti e bassi, Luca Lulli può dirsi felice a metà: le sirene della Serie B si sono rivelate vane, ma sul centrocampista abruzzese ha voluto puntare una solida società della Serie C. Il Pordenone si è assicurata il giocatore con un contratto biennale.

Luca Lulli, dopo un inizio folgorante con i rossoblu, è stato giudicato forse ingiustamente come un giocatore di grande corsa ma poco lucido in fase propositiva. Sicuramente l’ex Teramo e Savona dà il proprio meglio dal punto di vista della quantità, ma ha sempre dimostrato di possedere un ottimo tempo di inserimento, oltre a poter vantare uno dei più pericolosi tiri dalla distanza della C.

Il suo arrivo a Pordenone va a riempire il buco lasciato da Sergio Suciu, regista che dopo un’ottima stagione è riuscito a compiere il salto in cadetteria.

Mercoledì 2

La Triestina si assicura Acquadro

All’esordio in Lega Pro, e in una squadra che puntava forte alla Serie B, Alberto Acquadro è riuscito ad essere un protagonista della grande cavalcata del Venezia. Prima alternativa a Soligo e Bentivoglio, ad inizio campionato, titolare nel finale, il centrocampista classe ’96 ha saputo assorbire l’impatto nel professionismo convincendo Inzaghi e il Venezia ad affidarsi a lui.

La promozione conquistata sul campo è anche merito suo, ma Acquadro – scoraggiato dalla concorrenza – ha deciso di proseguire il suo percorso di crescita nella neonata Serie C, in prestito. La società più lesta è stata la Triestina, ormai prossima al ripescaggio e pronta ad un campionato di vertice. La società alabardata ha già firmato l’esperto Castiglia e sta trattando due grandi nomi come Luci del Livorno e Porcari della Cremonese, ma non si è lasciata sfuggire il talento arancioneroverde.

Tabanelli, Contessa e Guidone: Padova scatenato

Mister Bisoli lo aveva annunciato: il Padova c’è e vuole fortemente lottare per la Serie B. In 24 ore la società biancorossa ha ufficializzato un fantastico tris di acquisti. In difesa ecco Sergio Contessa, esterno mancino classe 1990 proveniente dal Lecce.

A centrocampo invece ha firmato Andrea Tabanelli. Il mediano ravennate ha alle spalle un gravissimo infortunio, ma con le maglie di Pisa, Cagliari e Cesena ha già dimostrato di essere un lusso per la categoria. In attacco, infine, il Padova ha perfezionato uno scambio con la Reggiana: Cristian Altinier si sposta in Emilia Romagna, mentre Marco Guidone approda in Veneto. Dopo aver segnato a raffica contro il Santarcangelo, Guidone ha vissuto alti e bassi in granata e ora cerca maggiore continuità di rendimento in una squadra dalle grandi ambizioni.

Martedì 1

Sudtirol, il magnete dei talenti in crisi

In questa sessione di mercato è stato avvicinato a gran parte delle squadre di Serie C, ma alla fine Paolo Frascatore non poteva che finire al Sudtirol. La squadra di Bolzano negli ultimi anni è diventata la terra promessa dei giovani talenti smarriti. Il capofila è senza dubbio Arturo Lupoli, giunto tra le montagne tirolesi dopo aver bruciato diverse occasioni in giro per l’Italia.

Frascatore è un terzino mancino cresciuto nella Primavera della Roma. Nel 2011 il difensore romano era uno dei migliori prospetti nel suo ruolo, ma le esperienze con Benevento, Sassuolo, Pescara, Reggiana e Losanna non sono state positive. Anche per lui, il Sudtirol può rappresentare l’ambiente ideale per ritrovare serenità, continuità e fiducia nei propri mezzi.

Berardocco torna nelle Marche?

Nonostante abbia firmato solo pochi mesi fa un biennale, sembra che l’avventura di Berardocco a Padova sia già arrivata al tramonto. Il club biancorosso, dopo aver ceduto Dettori, è intenzionato a smantellare la coppia che tanto bene ha fatto in quel di Carrara e ha deciso di inserire il regista nella lista dei cedibili.

Il pesante ingaggio di Berardocco frena molte squadra, tuttavia sembra che la neopromossa Fermana voglia affidare a lui le chiavi del centrocampo. La Fermana finora è stata protagonista di un mercato piuttosto guardingo, volto più alle conferme dei giocatori in rosa piuttosto che all’acquisto di calciatori di categoria. Con l’arrivo di Berardocco, però, i canarini si assicurerebbero un playmaker di esperienza: l’ex Samb, inoltre, troverebbe a Fermo quella continuità che a Padova è mancata.

Colpaccio Feralpisalò: arriva Dettori

Dopo Paolo Capodaglio e Davide Raffaello la Feralpisalò è riuscita a mettere le mani sul terzo (e più importante) rinforzo per il centrocampo: Francesco Dettori, acquistato dal Padova e legatosi ai gardensi con un biennale. Dopo aver fatto le fortune della Carrarese, il centrocampista è stato tra i più positivi della (non positiva) stagione biancoscudata, chiusa al primo turno playoff contro l’Albinoleffe.

Il suo arrivo proietta i gardensi tra le maggiori contender della promozione in Serie B, regalando a Serena un giocatore di assoluta qualità e notevole elasticità tattica. La Feralpisalò può continuare a puntare sul 3-5-2 inserendo Dettori come mezzala, oppure virare sul 3-4-3 sfruttando le caratteristiche da centrocampista box-to-box dell’ex Padova. Stesso discorso in caso di ritorno al 4-3-3, considerando che il neo arrivato può agire anche davanti alla difesa.

No comments

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.