La nuova era della Giana Erminio

Giana Erminio-Samb

L’addio di mister D’Albè, dopo 24 anni, ha spinto la società di Gorgonzola a rivoluzionare la squadra


Riuscite a immaginare un allenatore sulla panchina della Samb per 24 anni consecutivi? A Gorgonzola l’utopia è diventata realtà: Cesare D’Albè è diventato un pilastro della Giana Erminio trascinando la squadra dalla Promozione fino a diventare un habitué della terza divisione italiana. Alle soglie dei festeggiamenti delle nozze d’argento, D’Albè ha deciso di lasciare la panchina per assumere il ruolo di vicepresidente del cda.

La pesantissima eredità di Cesare D’Albè è ricaduta sulle spalle di Raul Bertarelli, ma la Giana Erminio deve affrontare un altro, importante cambiamento: dopo aver ben figurato nel girone A, la Lega Pro ha deciso per lo spostamento nel raggruppamento B. La sfida è ardua, e la rosa ha tanti elementi nuovi, ma la Giana non vuole smettere di stupire.

La difesa

Nel reparto difensivo la Giana Erminio ha deciso di puntare sulla continuità: nel mercato estivo sono stati confermati i centrali Montesano, Bonalumi e Rocchi. Insieme a loro sono rimasti gli esterni Sosio e Simone Perico, che possono giocare sia terzini che esterni a tutta fascia. Dal florido vivaio dell’Atalanta sono arrivati due giovani interessanti: il portiere Taliento (titolare in Coppa Italia, riserva di Leoni in campionato) e il mancino Mbaye Seck. Bertarelli sembra voler partire dalla difesa a tre, ma il reparto permette abbastanza elasticità per cambiare modulo dall’inizio o in corsa.

Centrocampo e attacco

La mediana della Giana è stato il reparto più rivoluzionato, nel tentativo di creare un ottimo mix di qualità ed esperienza. Il primo, grande, acquisto è stato quello di Daniele Dalla Bona, che ha scelto Gorgonzola per rifarsi della bruciante retrocessione con il Santarcangelo. Al suo fianco è stato inserito anche Antonio Palma, giocatore tecnico e dinamico, tra i protagonisti dell’ottima stagione del Renate.

Insieme a loro giocherà il veterano Daniele Pinto, che ha recentemente festeggiato le 100 presenze coi biancazzurri. Per il resto, confermatissimi gli esterni di centrocampo Riccardo Chiarello e Alessio Iovine, due elementi importanti che restano fondamentali nello scacchiere tattico di Bertarelli.

Dal Renate è arrivato anche Gabriel Lunetta, altro giocatore di grande qualità, capace di giocare sia sulla fascia che dietro alle punte. Insieme all’esterno, arrivato in prestito dall’Atalanta, il punto di riferimento resta Fabio Perna, che nell’ultima stagione ha messo a segno 14 gol e 2 assist. Al suo fianco, il posto di Salvatore Bruno è stato ereditato da Adriano Marzeglia, gigante ex Samb reduce da una stagione di alti e bassi con la maglia del Ravenna.

La formazione

In questo inizio di stagione Bertarelli ha voluto puntare sul 3-4-2-1 con Fabio Perna centravanti e la cerniera Palma-Pinto in mezzo al campo. La Giana Erminio ha dimostrato buona tenuta difensiva (specialmente all’esordio contro il Vicenza) ma una fase offensiva ancora sterile. Per questo motivo, Bertarelli potrebbe provare optare per il doppio centravanti – con Marzeglia al fianco di Perna – oppure avanzare Palma tra i trequartisti, al fianco di Lunetta, con l’inserimento di Dalla Bona in mediana.

No comments
Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami