Il calciomercato estivo della Virtus Vecomp Verona

calciomercato-virtus-verona

Un modello di gestione unico nel suo stile, che negli anni è diventato una certezza della Serie C: analisi della Virtus Vecomp Verona


Da 38 anni Gigi Fresco è l’uomo solo al comando della Virtus Verona: presidente, uomo mercato, allenatore. Basta questo per spiegare l’unicità della Virtus, una società descritta dai propri tesserati come una “grande famiglia”, che nonostante le difficoltà si è saputa guadagnare un “posto fisso” nel professionismo italiano. Anche in questa stagione Gigi Fresco non si è tirato indietro in sede di mercato, con l’obiettivo di raggiungere in Serie C il record di 40 anni consecutivi sulla stessa panchina, detenuto da Guy Roux dell’Auxerre.

Il mercato

In questi anni la Virtus ha mantenuto intatto lo scheletro centrale della rosa: il portiere Giacomel (attualmente infortunato e sostituito dal giovane Sibi), i difensori Visentini e Pellacani, il mediano Cazzola e il trequartista/capitano Domenico Danti. Attorno a loro, si è sviluppato che ha visto diversi acquisti di spessore.

Sulla fascia destra è arrivato dal Padova Manuel Daffara, classe 1989 che ha vinto la Serie C con la maglia del Perugia. Sulla sinistra, invece, la grande sorpresa è Marco Amadio, che nella scorsa stagione aveva conquistato il professionismo con il Campodarsego prima della rinuncia del club per gli elevati costi economici.

Sempre dalla Serie D sono arrivati i centrocampisti Lorenzo Lonardi e Andrea Delcarro, oltre ai due giovani scuola-Chievo Nicola Danieli ed Enrico Manconi. Dopo essere arrivato a gennio, la Virtus è riuscita a confermare il prestito di Davide Marcandella, già autore di 4 gol e 2 assist in questa stagione. Il grande colpo in mezzo al campo, però, è il veterano Simone Bentivoglio che si è liberato dal Siena dopo il fallimento del club toscano.

In attacco Gigi Fresco puntava molto su Michael De Marchi, arrivato in prestito dal Cittadella. La punta si è però infortunata gravemente alla spalla saltando gran parte del girone d’andata. Al suo posto è esploso Filippo Pittarello, un’altra scommessa dalla D (Luparense) che ha già messo insieme 4 gol e 3 assist. La ciliegina sulla torta del mercato di Gigi Fresco è stata l’arrivo di Rachid Arma dal Vicenza: la punta marocchina non è più l’implacabile bomber che ha messo a ferro e fuoco la C negli ultimi anni, ma continua a dare un contributo importante in termini di esperienza e rimane pericoloso specialmente quando subentra nella ripresa.

L’andamento

Nel corso della stagione Gigi Fresco ha utilizzato diversi moduli, partendo sempre dal suo caro 4-3-1-2. La disposizione in campo varia in base alla posizione del capitano Danti, il giocatore tecnicamente più pericoloso: può fare il trequartista dietro due attaccanti puri, oppure avvicinarsi all’unica punta e dividendosi la trequarti con Marcandella, che ha già mostrato ottime doti d’inserimento.

Attualmente la Virtus è imbattuta da 7 partite, pur recriminando per il gran numero di pareggi. Nelle ultime due gare ha saputo fermare squadre del calibro di Sudtirol e Perugia, guadagnando la decima posizione in classifica con soli due punti in meno rispetto alla Samb.

No comments

Commenta

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments