La cura Cornacchini sta salvando la Fermana

giovanni-cornacchini

Dal cambio d’allenatore al mercato di riparazione: analisi della Fermana, prossimo avversario della Sambenedettese


Chi dava la Fermana per spacciata ha cantato vittoria troppo presto: con l’avvento in panchina di Giovanni Cornacchini, i “canarini” sono tornati quella formazione solida e cinica che negli ultimi anni ha conquistato senza troppo patire la salvezza nel girone B. Attualmente la formazione gialloblu è fuori dalla zona retrocessione, con due punti di vantaggio sulla Vis Pesaro e una rosa che, dopo il mercato invernale, appare più coerente alle idee dell’allenatore.

Il mercato di riparazione

Il primo intervento invernale è stato il ritorno di Andrea Bonetto, giovane difensore arrivato dal Vicenza nella scorsa stagione senza poter giocare molto a causa dello stop dei campionati. A fargli posto è stato Adriano Esposito, ceduto alla Pro Vercelli in cambio del centrocampista Giovanni Graziano, che è reduce da buone annate con Teramo, Renate, Pro Vercelli e Gozzano.

L’opera di sfoltimento della rosa ha portato agli addii di Ismaila Diop, Simone Isacco, Angelo Persia e Simone Raffini. Per sostituirli, la Fermana ha deciso di puntare su Redi Kasa, jolly classe 2001 che ha ben impressionato nelle giovanili del Parma con 10 gol e 3 assist in 54 presenze tra Primavera e Under 17, oltre all’attaccante Davide Cais, scuola Atalanta che nella prima parte di stagione è sceso 11 volte in campo con la Carrarese.

L’acquisto più importante, però, è l’esperto Simone D’Anna dal Lecco, scambiato con il fuori rosa Luigi Liguori. D’Anna è un esterno d’attacco mancino che può giocare su entrambe le fasce e si è conquistato il professionismo dopo due straordinarie stagioni in D con Altamura e Lecco. Nel girone d’andata, tuttavia, ha trovato pochissimo spazio con mister D’Agostino così da convincerlo a tentare una nuova avventura.

La cura Cornacchini

L’acquisto più importante della stagione della Fermana è quello di Giovanni Cornacchini. Arrivato a Fermo il 6 dicembre, dopo la sconfitta contro il Modena che è costata la panchina a Mauro Antonioli, Cornacchini ha guadagnato 13 punti in 8 partite, uscendo sconfitto solo in casa del Mantova.

L’allenatore ha deciso di puntare su un 4-4-2 compattissimo grazie alle linee molto strette e a una densità difensiva che, soprattutto tra le mura amiche, è difficile da scalfire. In attacco spetta a Cognigni il lavoro sporco, mentre Neglia può sfruttare le sue doti in velocità coadiuvato dagli esterni Iotti e D’Anna, subito schierato da titolare.

Contro la Samb ci sarà un’assenza importantissima: si tratta di Paolo Ginestra, portiere che a 41 anni continua a stupire per livello di prestazioni e che contro la Samb ha sempre messo in mostra parate eccezionali. Al suo posto giocherà l’ex rossoblu Massolo.

No comments

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.