Fedeli: “Peccato”, Moriero: “Abbiamo dato tutto”

Nonostante le diverse occasioni, il gol di Valente e la traversa di Miracoli i rossoblu non vanno oltre l’1-2 contro un Cesena cinico e impositivo. La conferenza stampa.

Franco Fedeli

Dispiace per la sconfitta perché abbiamo avuto diverse occasioni. Alla fine una sconfitta ci sta, anche se mi sarebbe piaciuto arrivare almeno al Marassi. Abbiamo avuto tante occasioni, siamo stati poco precisi davanti e alla fine loro hanno avuto la meglio.

Cosa non mi è piaciuto oggi? Mi dispiace che non abbiamo avuto il portiere titolare. Aridità già ci ha lasciato ai playoff, ora quest’anno inizia così. Io gli ho detto che deve dare di più perché lui ci serve. Davanti… Eh, il centravanti è in prova (dopo la partita con la Salernitana aveva detto che tutti i giocatori avevano firmato, ndr). Speriamo si svegli perché ci serve uno che faccia gol.

La ciliegina sulla torta? Adesso non è stagione per le ciliege…

Andrea Camplone

Per 70 minuti buon test, poi la stanchezza si è fatta sentire e abbiamo iniziato a perdere alcuni palloni stupidi rischiando più del dovuto. Speriamo di crescere perché in Serie B serve di più. Come prima uscita ufficiale la squadra si è comportata bene.

Oggi molto bene sulle fasce, dobbiamo attaccare meglio la porta. Dietro c’è da lavorare, l’anno scorso abbiamo preso tanti gol e non dobbiamo ripeterlo. Abbiamo due punte ma sui cross serve anche il coinvolgimento dei centrocampisti: bisogna migliorare sulle distanze e sugli automatismi ma possiamo crescere. Manca ancora tempo all’inizio del campionato, cresceremo.

I tre di centrocampo hanno fatto una buona partita, loro venivano a prenderci il mediano basso ma noi scendevamo a turno con le due mezzali allargando per gli esterni. La Samb ha avuto tre palle gol limpide, Agliardi è stato bravo a salvarci e noi abbiamo colpito quando si doveva. A tratti la Samb ci ha messo in difficoltà, ma per 70 minuti la mia squadra ha fatto un buon calcio.

Francesco Moriero

Abbiamo fatto la nostra partita, ci abbiamo messo tutto ma bisognava sfruttare meglio gli episodi. Credo che i ragazzi abbiano fatto una grande partita contro una grande squadra, coprendo tutti gli spazi e ripartire. Sfido chiunque venire qui e fare 5 palle gol, abbiamo giocato contro una squadra di categoria superiore e giocato alla pari.

Ora dobbiamo concentrarci sulla nostra crescita e fare meglio. Le palle gol sbagliate? Sarei stato preoccupato se non ci fossero state. Stavolta è andata male, andrà meglio la prossima. Bisogna continuare su questa strada.

Di Cecco a destra l’ho visto bene, lui in quel ruolo ha già giocato e secondo me ha fatto un’ottima partita. A sinistra c’era uno che spingeva come Tomi e ho cercato di avere più equilibrio sulla fascia opposta. I risultati fanno sempre la differenza, oggi è andata così. Entrambe le squadre hanno meritato.

Tre formazioni diverse? Questa squadra non ha un 11 predefinito, gioca chi merita di settimana in settimana. Venivamo da 120 minuti contro la Lucchese e siamo ancora in preparazione, quello che volevo era una squadra che lottasse e così è stato. Questa squadra sta crescendo di giorno in giorno.

Vallocchia su Laribi? È stata una mia scelta che rifarei. Ho voluto un centrocampo più roccioso, abbiamo coperto bene il campo in orizzontale. Contro un modulo così ci vuole più sacrificio. Il miglioramento serve soprattutto sotto porta, fino agli ultimi metri abbiamo fatto bene poi ci è mancata la finalizzazione.

Mi dispiace per la gente e il presidente, perché ci speravamo tanto. Non ci siamo riusciti, ma non per non averci provato. Alla fine abbiamo fatto una buona prestazione, l’uica differenza è che loro hanno fatto due gol e noi solo uno. Fossimo riusciti a far gol prima sarebbe cambiata la partita.

Nicola Valente

Il gol? Sarebbe stato più utile arrivasse prima, ma comunque sono felice di aver dato un impatto positivo. Da fuori e da dentro si vede una squadra che si sta unendo sempre di più, a prescindere da chi scende in campo. Nonostante i cambi la squadra si comporta sempre bene, abbiamo dimostrato di avere le capacità per fare bene oltre gli undici.

Luca Gelonese

Fino all’ultimo c’è stata un po’ di indecisione, però me l’aspettavo di giocare titolare. Loro giocavano con un regista basso e due mezzali, noi con due mediani e giocatore più alto. Loro riuscivano a uscire palla al piede perché avevano grande qualità, però ci siamo difesi.

Dispiace soprattutto per i tifosi che sono venuti fin qui per vederci. Alla fine sono contati gli episodi, noi abbiamo fatto bene ma nonostante le molte occasioni non abbiamo fatto risultato. Dispiace, perché abbiamo preso anche una traversa.

No comments