Calciomercato Live: 1^ settimana

Settimana per settimana, vi raccontiamo i movimenti più importanti della Samb e del girone B

Un pezzo a settimana, costantemente aggiornato, dove inseriremo (e commenteremo) le operazioni di mercato più importanti, della Samb e non, dando una lettura approfondita a quello che sta succedendo nel nostro girone. Insomma, tutto quello che è davvero importante – raccontato nel modo migliore possibile.

[Domenica 8 gennaio, pomeriggio]

Il Parma cambia regia

È senza dubbio la squadra più attesa in questo mercato invernale. Dopo il ribaltone societario e l’arrivo di Mister D’Aversa, il Parma ha come obiettivo quello di trovare gli innesti giusti per dare l’assalto alla capolista Venezia. Il primo acquista è il centrocampista Matteo Scozzarella. Dopo essere stato protagonista nella scorsa stagione con il Trapani dei miracoli, il regista nativo di Trieste ha deciso di lasciare la Sicilia per sposare il progetto gialloblu. Piedi educati, tempi di gioco e gol pesanti: un acquisto di lusso per una squadra “costretta” a vincere.

Il Padova non si ferma: dalla B arriva una punta

Dopo il ritorno in patria del forte brasiliano Filipe, in molti avevano avanzate qualche dubbio sulle ambizioni del Padova. La società veneta, però, ha deciso di mettere a tacere le voci su un possibile ridimensionamento aggredendo il mercato invernale come nessun’altra squadra ha finora fatto. Alla firma di Luca Berardocco si è aggiunto un altro colpo importante: Caio De Cenco lascia il Trapani per sposare la causa di Mister Brevi. Non eccelso dal punto di vista realizzativo, ma semplicemente mostruoso dal punto di vista fisico e del “lavoro sporco”, De Cenco è un innesto di ottimo livello per un reparto che può già contare su Alfageme, Neto Pereira, Germinale e Cristian Altinier. Cessione in vista?

[Sabato 7 gennaio, sera]

Dove servono i rinforzi? di Angelo A. Pisani

“Stiamo valutando la squadra per vedere dove può essere migliorata, ci sono due-tre posizioni dove sicuramente andremo a migliorare la rosa”

Durante la presentazione di oggi l’allenatore rossoblu è stato chiaro: servono rinforzi. Come detto nel corso della conferenza lui indicherà alcuni nomi e (soprattutto) caratteristiche tecniche, e la società proverà a soddisfarlo. Il primo obiettivo resta un centrocampista al posto di Berardocco, che “che sappia far girare la squadra e sia tecnicamente valido”: non proprio l’identikit di Obodo.

🙁

Le altre caselle da colmare sono sugli esterni difensivi, sia a destra che a sinistra, e in attacco. Col nuovo allenatore (e la probabile partenza di Ferrario) è probabile che Di Filippo torni a fare il centrale difensivo, completando il pacchetto arretrato insieme a Radi, Di Pasquale e Mori. Con il solo Tavanti a destra e N’Tow (?) e Pezzotti a sinistra, è probabile che la Samb acquisti almeno due nuovi giocatori.

Diverso il discorso per l’attacco: Sanderra ha affermato di voler valutare da vicino sia Sorrentino che Fioretti, e poi valutare eventuali acquisti. Nel suo 4-3-3 l’allenatore utilizza spesso le ali sul piede invertito, ed è probabile che (con la partenza di Di Massimo) si viri su un esterno mancino.

[Sabato 7 gennaio, pomeriggio]

Odi et amo di Michele Palmiero

Il 7 novembre, in quel di Reggio Emilia, avevo finalmente trovato il mio giocatore preferito del Girone B. Dopo aver scartato diversi feticci della Lega Pro (il regista Pederzoli, la macchina da gol Evacuo, il funambolico Minesso o Rachid Arma letale) mi sono imbattuto in Vasile Mogos, esterno destro della Reggiana. Il rumeno classe ’92 ha tutto ciò che è richiesto al terzino moderno: esuberanza fisica, piedi educati, corsa inesauribile e una spiccata vena offensiva. Nel 4-3-1-2 della Reggiana la sua spinta sulla destra era linfa vitale per le manovre offensive della squadra di Colucci.

Nella mia testa già fantasticavo la sua presentazione in una sala stampa del Riviera affollatissima: “Ho scelto San Benedetto perché, dopo le emozioni del derby contro il Parma, solo questa tifoseria poteva darmi di più”. Come qualsiasi cotta giovanile che si rispetti, Vasile Mogos ha spezzato il mio cuore nel giro di due mesi. A sorpresa, il terzino destro lascia la Reggiana e firma un contratto triennale con l’Ascoli. Mi hai ferito, Vasile.

[Sabato 7 gennaio, mattina]

Di Massimo all’Ascoli? Di Campli smentisce…ma non troppo

“Signor Di Campli, c’è una trattativa per portare Di Massimo all’Ascoli?” – “No, non c’è niente…”

“Potrebbe essere un affare legato alla cessione di Orsolini?” – “Non voglio parlare di Di Massimo”

La conversazione avuta con il procuratore abruzzese Donato Di Campli non spegne i dubbi sulla permanenza del giovane a San Benedetto. Il Presidente stravede per Di Massimo, ma in questi mesi il giovane è stato utilizzato meno del previsto, e – già da alcune settimane – Di Campli sembra intenzionato a spingere per il trasferimento. L’arrivo di un nuovo allenatore non sembra aver cambiato le cose: le voci su una possibile partenza (nonostante le smentite) si fanno sempre più insistenti.

[Venerdi 6 gennaio, pomeriggio]

Dall’India con furore

Alzi la mano chi aveva la più pallida idea di dove fosse andato a finire Davide Succi. Dopo aver segnato in tutte le categorie del calcio italiano, ed esser emigrato nel campionato indiano, la punta nativa di Bologna ha deciso di avvicinarsi a casa prima di appendere gli scarpini al chiodo. L’ex bomber di Ravenna, Padova e Cesena ha firmato fino al 2018 per il Forlì.

[Venerdì 6 gennaio, mattina] 

Ma ‘ndo vai se il terzino non ce l’hai? di Michele Palmiero

Tra i reparti che subiranno maggiori cambiamenti nel mercato invernale c’è sicuramente quello degli esterni difensivi. Sulla fascia destra si sono alternati Tavanti e Di Filippo con prestazioni altalenanti. Il futuro di Di Filippo dipenderà molto dal caso Di Massimo: i due abruzzesi, infatti, hanno in comune il procuratore Donato Di Campli. Tavanti, nonostante l’interessamento della Lucchese, potrebbe invece restare e firmare un rinnovo. Uno dei tasselli da reperire a gennaio è senza dubbio quello del terzino sinistro. N’Tow piace alla dirigenza ma la sua fragilità fisica compromette un costante utilizzo; capitan Pezzotti non ha convinto da esterno basso, ruolo in cui è adattato. Sul taccuino del Presidente Fedeli, secondo il Corriere Adriatico, ci sono il difensore Fabrizio Grillo, poco impiegato a Livorno e voglioso di riscatto, e Francesco Colantoni, autore del doppio salto con la Lupa Castelli Romani dall’Eccellenza alla Lega Pro e attualmente in D con l’Ostiamare.

[Giovedì 5 gennaio, pomeriggio]

FeralpiSalò: che colpo in attacco!

Con 29 punti in classifica il FeralpiSalò galleggia più o meno serenamente in zona-playoff. A giudicare dal mercato, però, la squadra di Antonino Asta non ha intenzione di adagiarsi sugli allori: in attesa di capire il futuro di Romero, infatti, i lombardi hanno messo a segno un grande colpo in attacco. Si tratta di Andrea Ferretti, centravanti autore di 32 gol nelle ultime due stagioni con la maglia del Pavia. La punta è reduce da un deludente girone d’andata a Trapani: ai vari Guerra, Bracaletti e Gerardi il compito di fargli tornare il sorriso.

Fioretti sfoglia la margherita di Michele Palmiero

Dopo l’addio di Berardocco, la Sambenedettese si muove per piazzare gli altri elementi fuori dal progetto tecnico. Il primo della lista è Giordano Fioretti, uno degli acquisti più acclamati del mercato estivo. La punta, dopo il gol all’esordio contro la Maceratese, non ha mai dato la sensazione di adattarsi agli schemi di Mister Palladini. Nonostante le dimissioni del tecnico, il suo addio sembra scontato. Sulle tracce di Fioretti ci sono, oltre alla sua ex squadra, il Modena di Capuano e due compagini del Girone C in lotta per salvarsi: Catanzaro e Reggina.

[Giovedì 5 gennaio, mattina]

Berardocco, un upgrade per il Padova di Angelo A. Pisani

Il 30 dicembre Filipe (regista del Padova) annuncia il suo ritorno in Brasile, per motivi familiari. Il giorno dopo Berardocco viene messo sul mercato dalla Samb. In meno di una settimana è arrivato l’happy ending per entrambi. Sostituto perfetto, a livello tattico, dal punto di vista tecnico il regista abruzzese rappresenta un upgrade. Rispetto al brasiliano Berardocco gioca, in media, 10 passaggi in più a partita, completa più lanci (6.3 contro 7.8) e vince quasi il doppio dei duelli offensivi (2.8 contro 4.4). In fase difensiva, i due hanno numeri simili: 3.2 recuperi e 6.4 intercetti il brasiliano, 3 e 6.6 l’abruzzese.

Alla corte di Brevi ritroverà Dettori (ex compagno alla Carrarese) e un contesto ancora più adatto alle sue qualità, tecniche e tattiche. Ora per la Samb parte la caccia al sostituto, con Obodo (del Sudtirol) e Bensaja come nomi più caldi.

Tutti a caccia di Pederzoli di Michele Palmiero

Esistono poche certezze nel calcio. Una di queste è che ogni squadra di Lega Pro acquisterebbe volentieri Alex Pederzoli. Il regista del Venezia, autore di 3 gol in 18 partite, è seguito da Lecce, Padova, Parma e da un club di Serie B: l’Avellino del neo Mister Novellino. In attesa di capire per quale oscura ragione Inzaghi dovrebbe privarsi del regista più forte della Lega Pro, vogliamo ricordarvi in che modo Pederzoli ha segnato alla Sambenedettese.

pederzoli-shaolin

[Martedì 3 gennaio, pomeriggio]

Ufficiale: nuovo arrivo per il Venezia 

È del Venezia il primo colpo del mercato del Girone B. La capolista ha ufficializzato l’arrivo di Giuseppe Zampano, terzino classe 1993 svincolatosi dal Crotone dopo la promozione in Serie A. Cresciuto nelle giovanili della Sampdoria, Zampano è un terzino dall’ottima fase di spinta, e va ad arricchire ulteriormente il reparto difensivo a disposizione di Mister Inzaghi. Curiosità: suo fratello gemello, Francesco, gioca in Serie A con la maglia del Pescara.

[Martedì 3 gennaio, mattina]

Cosa può dare Bensaja alla Samb di Michele Palmiero

Puntuale, come un orologio svizzero, all’apertura della sessione di mercato è rimbalzata la notizia di un possibile approdo di Nicholas Bensaja alla Sambenedettese. Il motivo è presto detto: fin da quando militava in Serie D con la maglia della Civitanovese, Mister Palladini stravede per questo centrocampista. Giovane e voglioso di riscatto dopo due negative esperienze con L’Aquila e Catanzaro, Bensaja può garantire quantità e qualità in entrambe le fasi. Su un suo eventuale arrivo, però, pendono come spada di Damocle due fattori: il futuro di Ottavio Palladini e i rapporti con il Pescara dopo l’affare Di Massimo.

Luca Berardocco: il primo degli epurati? 

Al termine della gara persa contro la Maceratese, la dirigenza ha informato il procuratore di Luca Berardocco della volontà di non confermare la fiducia al regista. L’ex Carrarese, dunque, è il primo nome della famosa lista presidenziale di giocatori che a gennaio lasceranno il Riviera. Su Berardocco si sono lanciate Parma e Padova, dove ritroverebbe come compagni di centrocampo Dettori.


Perché fare un pezzo così: Questa estate – per la prima volta in diversi anni – abbiamo potuto raccontare il calciomercato senza paura di ciò che stava accadendo a livello societario. Lo abbiamo fatto con la maggior onestà possibile, verificando sempre le nostre fonti e dando una lettura degli eventi che andasse al di là del solito copia e incolla.

Il boom mediatico delle vicende di mercato ha creato un giornalismo che ha fatto della quantità e della rapidità i suoi valori primari: ogni giorno siamo sommersi di “indiscrezioni”, “retroscena”, “scenari”… In poche parole, gossip. Per questo mercato invernale (e per le prossime sezioni di mercato) noi intraprenderemo una strada diversa.

No comments
Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami