La Curva Nord a difesa del Ballarin: “Rispetto, per la città per la storia”

La Curva Nord Massimo Cioffi si oppone alla demolizione parziale che sta investendo l’impianto Ballarin


Nelle ultime ore la città di San Benedetto del Tronto è chiamata a fare i conti in maniera concreta con lo stato di decadenza del Ballarin. La tribuna Ovest dell’impianto, infatti, è arrivata ad un punto di danneggiamento tale da rendere la situazione troppo pericolosa, spingendo l’amministrazione comunale ad un intervento d’urgenza.

La demolizione dell’angolo tra la Tribuna Ovest e la Curva Nord ha provocato emozioni forti, in città, risvegliato un dibattito che – ciclicamente – divide la politica sulle soluzioni da intraprendere, nonostante un generale immobilismo. La Curva Nord Massimo Cioffi ha voluto esprimere la propria opinione con un comunicato stampa nel quale afferma l’importanza del Ballarin per la città e la netta contrarietà ad ogni forma di demolizione.

Ballarin, il comunicato della CNMC

In questi anni, nonostante la maggior parte di noi non ha mai vissuto il periodo del Ballarin, abbiamo portato avanti diverse iniziative per denunciare lo stato di degrado dell’impianto. Perché il Ballarin non è solo un vecchio stadio, ma un simbolo per la Samb e per tutta la città, con la sua storia fatta di successi, calore e tifo ma anche di lutto e rispetto per le due giovani tifose che fra gli spalti persero la vita in una tragica giornata.

Il successo del DVD che abbiamo recentemente prodotto ha dimostrato che questo è un tema di interesse per la maggioranza della tifoseria e della cittadinanza, che per anni ha assistito all’immobilita e all’incapacita delle amministrazioni che si sono alternate di impedire che si arrivasse a questo stato di degrado e pericolosità strutturale.

Per questo motivo non possiamo accettare che si proceda alla demolizione (anche parziale) quando, nonostante il passare degli anni, non è mai stato previsto e approvato un progetto serio di riqualificazione dell’intera area, che preservi l’uso sportivo della stessa. Allo stesso tempo impediremo, in ogni modo, che il campo del Ballarin diventi, anche temporaneamente, rimessa e discarica per i rottami dei carri del Carnevale e le macerie. 

Ce lo chiede la storia dello stadio, della Samb e della città e per questa chiediamo rispetto.

No comments
Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami